Archiviato in | Musica, Spettacolo

ROBY FACCHINETTI RACCONTA “MA CHE VITA LA MIA”

ROBY FACCHINETTI RACCONTA “MA CHE VITA LA MIA”

Con i suoi occhi color ghiaccio, un sorriso illuminante e una simpatia indescrivibile, Roby Facchinetti si è raccontato negli studi radiofonici di “Studio 90 Italia” ai microfoni della bravissima Paola4 . (Nella foto un incontro tra Facchinetti e Paola4). Noi di “Informa Sicilia” lo abbiamo incontrato.

Print Friendly, PDF & Email

Roby Facchinetti. Il prossimo 1° maggio compierà ben 70 anni. Ma sia visivamente che caratterialmente è rimasto un 20enne. Roby Facchinetti, pilastro della musica italiana, nonostante gli oltre 50 anni di prestigiosa carriera è rimasto una persona umile e disponibile con tutti.  “Ma che vita la mia” è il nuovo album da solista che si è già piazzato al primo posto tra gli album più venduti di sempre. Con i suoi occhi color ghiaccio, un sorriso illuminante e una simpatia indescrivibile, Roby Facchinetti si è raccontato negli studi radiofonici di “Studio 90 Italia” ai microfoni della bravissima Paola4 . (Nella foto un incontro tra Facchinetti e Paola4). Noi di “Informa Sicilia” lo abbiamo incontrato.

Come nasce questo nuovo lavoro discografico da solista?

“Da una esigenza personale. Sentivo il bisogno di raccontarmi fino in fondo attraverso la musica.  Ho lavorato per circa un anno a questo progetto ed arrivato in sala di incisione ho sentito una grande responsabilità nel registrare da solo. Questo è il terzo progetto discografico da solista. Il primo nel 1981 ed il secondo nel 1983. Oggi dopo quasi vent’anni eccomi qui con un nuovo lavoro che vuole raccontare la mia vita”.

Vent’anni dal suo ultimo lavoro discografico, ma cos’è cambiato nel panorama musicale in questi due decenni?

“Sono cambiate molte cose non solo la musica. Oggi, purtroppo, si vive un impoverimento della musica. Negli anni ’70 i giovani mettevano al primo posto l’amore e la musica. Oggi invece la musica è messa al quinto posto nella vita. Si vive di altre cose. Colpa anche dei computer. Questo stato di crisi in cui stiamo vivendo si è andato a ripercuotere anche sulla musica. Oggi non si gioca più sulla qualità perché tutto il mondo discografico vuole spendere il meno possibile, poiché è il mercato che lo chiede, e di conseguenza si abbassa notevolmente la qualità del prodotto”.

C’è ancora spazio per i giovani nel mondo musicale?

“La musica ha bisogno di idee innovative. Idee nuove. Nuovi percorsi e non quelli stessi già fatti. I giovani devono essere il nuovo input. Da loro devo arrivare nuovi segnali, nuovi progetti. Nuove cose. Solo così sarà possibile un vero percorso positivo in questo settore ma, comunque, in generale per tutti i campi”.

Lei ha una grande passione per il buon vino italiano. Ha una cantina con oltre 2mila etichette di vino, soprattutto i rossi della Toscana, del Piemonte e della Sicilia. Ma qual è il suo rapporto con la nostra isola?

“ Ho un rapporto meraviglioso con questa Terra dal lontano 1966, quando siamo venuti a fare il primo concerto proprio ad Aci Trezza. Una esperienza indimenticabile e che fa parte dei Pooh. In Sicilia siamo tornati per centinaia di concerti ed ogni volta i siciliani ci accolgono in una maniera meravigliosa. Ci sentiamo a casa nostra. Un’accoglienza straordinaria ed un grande riconoscimento da chiunque ci incontra. Molte di quelle persone che erano nostre fan adesso sono diventati dei veri e profondi amici”.

Una risposta a “ROBY FACCHINETTI RACCONTA “MA CHE VITA LA MIA””

  1. domenico ha detto:

    Salve.da 40anni sento i pooh,sono cresciuto con loro,vorrei tanto convincere Roby a venira in sicilia….
    Grazie e convincetelo-

    DOMENICO

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook