Archiviato in | Commercio, Lavoro

PALERMO PERDE IN QUATTRO ANNI 46MILA POSTI DI LAVORO

PALERMO PERDE IN QUATTRO ANNI 46MILA POSTI DI LAVORO

Palermo in quattro anni ha perso oltre 46.000 posti di lavoro. Questi i dati allarmanti della Camera di Commercio del capoluogo siciliano che ha commissionato uno studio sulla situazione lavorativa dei residenti nella provincia. Infatti, dal 2009 al 2013 si registra un calo del 6,8%, mentre si specifica che il 63% dei disoccupati è laureato. In Sicilia è fanalino di coda solo la provincia di Caltanissetta con Il 25% delle famiglie che versano in povertà relativa

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Presentato oggi nel capoluogo siciliano uno studio sul lavoro commissionato dalla Camera di Commercio che comprende i periodi dal 2009 al 2013. Dai risultati emerge che il capoluogo siciliano ha perso più di 46mila occupati, con un calo del 6,8 per cento soltanto nell’ultimo anno, in un contesto regionale in cui solo la provincia di Caltanissetta è il fanalino di coda. Questi dati sono stati rilevati dall’Osservatorio economico della provincia di Palermo per conto della Camera di Commercio di Palermo in collaborazione con l’Istituto Tagliacarne di Roma. Secondo lo studio mostra un quadro dalle caratteristiche emergenziali, le forze di lavoro nell’ultimo anno hanno subito un calo di oltre 5 punti percentuali. E come si evince dalla nota: “i disoccupati provinciali nell’ultimo anno crescono solo dell’1%, ciò è dovuto all’aumento del bacino di inattivi, cioè quelle persone che hanno smesso di cercare una nuova occupazione. Palermo è la terza provincia italiana per potenziale non sfruttato di giovani lavoratori fra i 15 e i 34 anni (36,9%), considerando sia i disoccupati ufficiali che gli inattivi. Inoltre, il 63,6% dei non occupati residenti a Palermo è laureato”.

Nonostante la crisi, i giovani palermitani pur di lavorare sono molto flessibili tanto da accettare norme contrattuali meno favorevoli e forme di mobilità territoriali che collocano per questo il capoluogo siciliano tra le prime 33 province italiane e in terza posizione nell’Isola. Inoltre, secondo il rapporto, Palermo risulta tra le prime 20 province italiane per disponibilità dei giovani ad avviare imprese e forme di lavoro autonomo. Nel quadro di un ciclo recessivo, dal 2008 al 2012 la perdita di ricchezza netta a Palermo si è attestata intorno ai 13 punti percentuali. Inoltre, al 2012, il 25,8% delle famiglie palermitane (circa il doppio della media italiana) si trova in povertà relativa, rivelando una crescita di 1,7 punti percentuali rispetto al 2011. Palermo, con 39 punti percentuali di debito familiare in più rispetto al valore medio nazionale, è la seconda provincia italiana per livello di gravità del fenomeno. I dati dell’osservatorio economico prendono in esame l’andamento del fatturato fra il 2009 e il 2013 che specifica che i periodi peggiori sembrano essere ormai alle spalle. Le imprese con oltre 21 addetti, infatti, hanno registrato un fatturato in crescita del 6,7% nel 2013, mentre quello delle s.p.a. si attesta intorno al 10,4% in più. A reagire meglio alle difficoltà della crisi sono state reti e filiere con un fatturato in crescita di 3,5 punti percentuali. Le imprese di Palermo più recenti hanno registrato flessioni nel fatturato meno marcate (-2,2%).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook