PALERMO: LATITANTE RAPINAVA BANCHE E PERCEPIVA SUSSIDIO DA PRECARIO

PALERMO: LATITANTE RAPINAVA BANCHE E PERCEPIVA SUSSIDIO DA PRECARIO

A Domenico Albanese, 47 anni, nonostante risultasse lattitante la Regione Siciliana pagava un sussidio da precario, poi, due giorni fa è stato bloccato. Durante le indagini gli investigatori hanno appurato che risultava essere, fino a poco prima, ancora inserito nella lista dei lavoratori a progetto di "Emergenza Palermo". Una volta scoperto, il presidente della Regione Crocetta è intervenuto : "quello che stiamo scoprendo è inaudito e inaccettabile. La Regione per anni ha pagato persino carcerati e latitanti, solo grazie ai controlli che abbiamo messo in campo, e prima inesistenti, stanno venendo a galla questi fatti incresciosi".

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Domenico Albanese, 47 anni, era latitante e rapinava banche in giro per l’Italia. Nonostante avesse problemi seri con la giustizia, percepiva ugualmente 832 euro di sussidio dalla Regione Siciliana, perché da anni era stato inserito in un elenco di precari. L’uomo è stato arrestato due giorni fa a Palermo, poche ore prima era stato espulso dal bacino dei precari. L’uomo, si era reso irreperibile da mesi, ed è stato arrestato venerdì scorso, con l’accusa di avere messo a segno 9 rapine in banca in alcune città d’Italia. Dopo lunghe indagini e seguendo i familiari dell’indagato, i poliziotti sono risaliti al nascondiglio del latitante: un appartamento in via Leonardo Da Vinci, a Palermo. É subito scattato il blitz e il ricercato è finito in galera. Domenico Albanese era stato espulso dal bacino degli ex Pip (piani d’inserimento professionale) solo poche ore prima dell’arresto, dopo che i dirigenti del Dipartimento Lavoro della Regione avevano accertato la posizione del precario.

Da mesi il Dipartimento, su incarico del governo di Rosario Crocetta, sta controllando il lungo elenco di precari del progetto Emergenza Palermo, circa 2.900 persone, che da quindici anni beneficiano di sussidi pubblici. Finora la Regione ha espulso dal bacino dei precari oltre 200 persone sia perché è stato accertato che avevano un reddito Isee superiore ai 20 mila euro previsto da una legge regionale, sia perché non avrebbero i requisiti morali e di buona condotta per poter beneficiare del sussidio, alcuni avrebbero continuato a ricevere l’assegno persino mentre si trovavano in carcere. In merito è intervenuto più volte il presidente Rosario Crocetta che ha evidenziato: “quello che stiamo scoprendo è inaudito e inaccettabile. La Regione per anni ha pagato persino carcerati e latitanti, solo grazie ai controlli che abbiamo messo in campo, e prima inesistenti, stanno venendo a galla questi fatti incresciosi. Nonostante quello che sta venendo fuori sulla gestione di questi precari – continua Crocetta – ci sono deputati all’Assemblea che depositano interrogazioni e atti parlamentari su questo argomento. E ora di finirla, noi stiamo facendo pulizia in un settore dove per anni non c’è stato alcun controllo. E lo stiamo facendo per tutelare i veri poveri”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook