Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: CROCETTA CHIEDE UNA TREGUA AI PARTITI

REGIONE SICILIANA: CROCETTA CHIEDE UNA TREGUA AI PARTITI

Crocetta cerca di placare le polemiche, dopo il rimpasto si dice pronto al dialogo con tutti: "Non è il momento delle divisioni, lavoriamo tutti insieme per varare le riforme sennò si rischiano migliaia di licenziamenti. Impedirò il degrado della Sicilia". Poi, il presidente della Regione lancia un avvertimento a tutti i partiti, agitando lo spettro delle dimissioni: "Se il clima non dovesse rasserenarsi, il governo non avrà altra scelta che porre la fiducia sui provvedimenti come il dl pagamenti e la manovra bis. Se non dovesse prevalere il senso di responsabilità ne trarremo tutti le necessarie conseguenze". L'ex capogruppo del Pd risponde con un tweet ironico: "Brrr...che paura! Qualcuno ha spiegato a Crocetta che all'Ars non esiste l'istituto della fiducia, ma solo quello della sfiducia?".

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, lancia un appello dopo le forti polemiche provocate dalla formazione della nuova giunta. E chiede un momento di riappacificazione vista la situazione attuale. Crocetta si rivolge anche alle forze sociali e al mondo del volontariato: “vorrei rivolgere un appello a tutti i partiti per arrivare a una tregua istituzionale. Lavoriamo tutti insieme per varare le riforme che possono salvare la Sicilia. Poi alcune cose si possono fare anche per via amministrativa. Penso, per esempio, alla riforma della formazione professionale. Una politica del dialogo aperto a tutti al di là delle appartenenze”. Tra le iniziative elenca le variazioni di bilancio, il dl pagamenti, la legge per lo sviluppo, la semplificazione amministrativa, il testo unico per le attività produttive e la legge per i testimoni di giustizia. Sono iniziative importanti continua Crocetta: “su questi punti il governo è intenzionato ad andare avanti e se tali provvedimenti non dovessero essere approvati, si rischiano migliaia di licenziamenti e imprese che falliscono. Impediremo il degrado della Sicilia, gli interessi della regione non possono essere schiacciati da quelli dei partiti e delle correnti, in una guerra infinita che non aiuta nessuno. Non è questo il momento delle divisioni, ma della grande unità. Per questo lancio il patto per la Sicilia per lo sviluppo, la legalità, il lavoro, il risanamento. Un patto aperto a tutti, agli uomini di buona volontà, senza usare i classici linguaggi del politichese”. Poi continua sottolineando: “a chi pensa invece di poter proseguire bloccando il cambiamento e le riforme. A questi dico che, qualora il clima non dovesse rasserenarsi, il governo non avrà altra scelta che porre la fiducia sui provvedimenti che presenta in aula traendone tutte le conclusioni possibili. Mi sono candidato presidente per portare avanti la rivoluzione e non per vivacchiare giorno per giorno e con lo spirito massimo di dialogo con tutti, con la consapevolezza di chi vuole salvare la Sicilia, ho intenzione di continuare la mia battaglia. Ma non è permesso a nessuno di giocare contro gli interessi della Sicilia, dei siciliani che non ne possono più, dei disoccupati che affollano le piazze e adesso anche le chiese. Se questo senso di responsabilità non dovesse prevalere ne trarremo tutti le necessarie conseguenze”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook