DELL’UTRI: FUGA, ARRESTO, SOSPETTO

DELL’UTRI: FUGA, ARRESTO, SOSPETTO

Secondo la testimonianza di uno dei dirigenti della polizia locale l’ex senatore Marcello Dell’Utri “non ha opposto resistenza, era tranquillo”. L'avvocato Giuseppe Di Peri, legale di Marcello Dell'Utri che difende l’ex senatore ha spiegato: "non si è trattato affatto di un pianificato tentativo di fuga".

Print Friendly, PDF & Email

Dell’Utri, è stato fermato la notte tra venerdì e sabato nell’albergo Phoenicia di Beirut. Sicuramente non si aspettava di essere bloccato. Lo ha riferito all’Ansa uno dei dirigenti della polizia locale che ha partecipato al fermo dell’ex senatore italiano. “Non c’è stata nessuna irruzione né si è trattato di un’operazione speciale” ha detto la fonte che ha preferito restare anonima. “Ci siamo presentati al banco dell’albergo, chiedendo di salire in camera del ricercato italiano. Abbiamo bussato alla porta della camera, una delle camere ordinarie dell’albergo, ci ha aperto e fatto entrare senza opporre resistenza. La fonte ha aggiunto che Dell’Utri “non si aspettava di essere fermato” ma che era “tranquillo”, e che “ci ha seguito al commissariato. Non era arrabbiato, né triste – ha concluso la fonte – era molto tranquillo”. Secondo l’avvocato Giuseppe Di Peri, legale di Marcello Dell’Utri: “è un’offesa all’intelligenza ed è contrario alla logica più elementare ritenere che Marcello Dell’Utri abbia deciso di sottrarsi alla giustizia italiana fuggendo in un paese straniero dove ha usato il proprio passaporto, la propria carta di credito e il proprio cellulare e dove si è registrato in albergo con il proprio nome”. Poi ha tenuto a precisare che: “chi vuole fuggire non sceglie certo uno stato che ha un trattato di estradizione con l’Italia. Tutto ciò – conclude l’avvocato – dimostra in modo inconfutabile che non si è trattato affatto di un pianificato tentativo di fuga”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook