Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DELL’UTRI NON SI TROVA

DELL’UTRI NON SI TROVA

Marcello Dell’Utri ex senatore della Repubblica, condannato a sette anni per mafia, potrebbe essere all'estero. Le forze dell'ordine non lo hanno trovato in casa. La procura aveva previsto il pericolo di fuga, ma la richiesta d'arresto fu rigettata in prima istanza

Print Friendly, PDF & Email

Dell’Utri. La terza sezione della Corte d’Appello di Palermo avrebbe emesso per lui un ordine di custodia cautelare che non è stato eseguito perché l’ex senatore non è stato trovato in casa. Marcello Dell’Utri ex senatore della Repubblica sarebbe irreperibile da ieri. Ma polizia e carabinieri smentiscono la notizia del tentativo fallito. “Non siamo andati a notificare nulla all’ex senatore Dell’Utri”. Secondo indiscrezioni, gli investigatori milanesi inviati al domicilio di Dell’Utri non lo avrebbero effettivamente trovato in casa. Sulla circostanza però viene mantenuto il massimo riserbo. Sembra che le forze dell’ordine abbiano cercato invano di eseguire la misura e da settimane controllano le sue mosse. Il provvedimento é stato firmato martedì scorso, 8 aprile, dalla terza sezione della Corte d’appello di Palermo su richiesta della Procura generale di Palermo. La prossima settimana la Cassazione potrebbe confermare la pena dententiva per concorso in associazione mafiosa.

Condannato a sette anni per mafia, l’ex senatore attende per martedì 15 aprile, la sentenza definitiva. Dell’Utri potrebbe essere in Libano, anche se fonti ben informate a Beirut e altre collegate alle autorità che controllano il traffico in entrata e in uscita dell’aeroporto internazionale della capitale libanese smentiscono la sua presenza. L’ex senatore, infatti, avrebbe due passaporti diplomatici e dal Libano sarebbe pronto a spostarsi in Guinea Bissau o nella Repubblica Dominicana. L’ordinanza di custodia cautelare a carico dell’ex senatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri è stata emessa martedì dai giudici della terza sezione della corte d’appello di Palermo, presieduta da Raimondo Lo Forti. Tre settimane fa la procura generale, sulla base di un’intercettazione di una conversazione del fratello di Dell’Utri, da cui si potevano dedurre le intenzioni dell’ex manager di Publitalia di lasciare il Paese, e degli accertamenti della Dia che da tempo tenevano sotto controllo l’imputato, aveva chiesto il divieto di espatrio con sequestro del passaporto.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook