Archiviato in | Musica, Spettacolo

TINTURIA IN TOUR PER LA SICILIA

TINTURIA IN TOUR PER LA SICILIA

Il tour siciliano, prodotto da Musica e Suoni, partirà venerdi 18 aprile allo “Zo” a Catania. Sabato 19 aprile sarà la volta del “Centro Multiculturale Officina” di Messina. Giovedi 24 aprile tappa ai “Candelai” di Palermo. Il tour siciliano, che proseguirà nel resto d’Italia, si concluderà mercoledi 30 aprile a Ragusa presso il “Lanificio”.

Print Friendly, PDF & Email

Tinturia. Parte dalla Sicilia il nuoto tour di Lello Analfina e i Tinturia. È uscito in questi giorni il nuovo singolo “Precario” che anticipa l’uscita del nuovo disco di inediti, omonimo. Le migliori radio nazionali, infatti, stanno già trasmettendo il brano (disponibile anche su Itunes). Il brano è interamente composto, testo e musica, da Lello Analfino con la produzione artistica di Roy Paci e segna il ritorno di Lello Analfino & Tinturia. “Precario è una condizione mentale – ha spiegato Lello – ci hanno convinto vent’anni fa che il precariato era il futuro. Accontentarsi sperando che il domani sarebbe stato solido e sicuro. Invece chi vent’anni fa aveva vent’anni si ritrova adesso pienamente e ancora precario. Tanto da poter affermare che l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro precario”.

Il tour siciliano, prodotto da Musica e Suoni, partirà venerdi 18 aprile allo “Zo” a Catania. Sabato 19 aprile sarà la volta del “Centro Multiculturale Officina” di Messina. Giovedi 24 aprile tappa ai “Candelai” di Palermo. Il tour siciliano, che proseguirà nel resto d’Italia, si concluderà mercoledi 30 aprile a Ragusa presso il “Lanificio”.

(Biglietti disponibili in prevendita presso i circuiti abituali, Box Office Catania, Box Office Palermo e Ticketone).

Ad Agrigento, quei bambini che non si fermano mai, che hanno l’argento vivo addosso, che vivono di fantasia e provocazione, di risate e felicità, vengono detti tinti. Da questo dire dialettale particolarmente azzeccato, nasce Tinturia, il nome della band agrigentina che miscela nella sua proposta musicale, protesta e divertimento, fantasia e impegno (…un po’ come i bambini tinti appunto). Quando poi, nel 1996, i Tinturia incontrano Lello Analfino (tinto quasi per definizione), allora “la frittata è fatta” e sulla scena siciliana si afferma una nuova realtà musicale.
Genio e sregolatezza di Lello si uniscono ad una band appassionata ed affiatata (Lino Costa ,Angelo Spataro ,Giovanni Buzzurro ,Osvaldo Lo Iacono, Mario Vasile, Savio Nocera), capaci di muoversi tra il pop e il reggae, dal funk al rap, senza mai dimenticare l’origine, quelle radici folk siciliane che tanto hanno dato alla musica italiana. In poco tempo, Lello Analfino & Tinturia vengono apprezzati un po’ dovunque: varcano i confini dell’isola e iniziano un viaggio, un’avventura che li vede protagonisti in molte piazze italiane. Grazie alla innata capacità di coinvolgimento di Lello e alla musica dei Tinturia, i concerti si trasformano in vere e proprie feste, dove il pubblico viene rapito e le distanze che spesso il palco impone, vengono abbattute: senza mai risparmiarsi riescono ad ottenere da se stessi e da chi ascolta, balla e “fa festa”, il massimo….e nessuno torna a casa come era arrivato! Parallelamente all’attività live, i Tinturia approdano anche al mondo discografico. Due i lavori all’attivo, entrambi per CNI: “Abusivi di necessità” (1999) e “Nati Stanchi” (2002), colonna sonora del film omonimo del duo comico palermitano Ficarra e Picone.


Live, dischi, ma anche impegno sociale: anche qui, come nella musica, la note caratterizzanti sono fantasia e ironia, armi fondamentali, per raggiungere uno scopo importante: aprire gli occhi su ciò che non va. In poco tempo la sezione Repubblica Serenissima di Sballopoli, sul sito www.tinturia.it diventa luogo di incontro di numerosissimi fan che cominciano a seguire sempre di più la band diffondendone musica e idee.
La discografia naviga in cattive acque, ma la passione, l’energia e la convinzione di Lello e dei Tinturia tutti porta la band a mettere in cantiere un nuovo disco (prodotto da Luna Produzioni e Musica e Suoni). L’album viene anticipato da un singolo: “Mi sento lento” che viene presentato alle radio a novembre del 2004. Tutto è pronto per pubblicare l’album…ma si apre una possibilità per andare a Sanremo che certamente offrirebbe un’opportunità importante per il lancio del disco.
E allora, fermi tutti! Viene proposto alla commissione un secondo brano del disco non ancora pubblicato: “Stunz”. Il brano piace, piace davvero (particolarmente rappresentativo dei Tinturia perché gioca con ironia sugli stereotipi della società in cui viviamo).


Ma le vie della discografia sono infinite e, pur avendo entusiasmato la commissione, i Tinturia non arrivano sul palco dell’Ariston…. Niente di grave, ovviamente! Il lavoro prosegue ( “Stunz” viene proposto alle radio a partire da febbraio 2004) e viene confezionato proprio sullo stesso brano anche un video che, come il testo della canzone, gioca sui divismi e lo show business.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook