Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SBARCATI 300 MIGRANTI, MORTO UNO DEI PROFUGHI

CATANIA: SBARCATI 300 MIGRANTI, MORTO UNO DEI PROFUGHI

Gli immigrati sono stati portati al Palaspedini, alcuni, pare siano fuggiti per tentare di raggiungere la stazione. Una decina di persone sono state accompagnate all’ospedale pe accertamenti. La Procura ha aperto un'inchiesta sulla morte di uno dei profughi.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Sono approdati poco prima delle 4 del mattino nel porto di Catania. Gli stranieri(circa 300) sono stati trasportati da rimorchiatori, compresi un bambino e 24 donne, salvati ieri dalla motonave Nord Farer, con il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Roma. Le persone arrivate, 14 sono state accompagnate per accertamenti in ospedale: dieci sono ricoverate nell’ospedale Vittorio Emanuele e due al Cannizzaro. Il resto dei migranti sono stati trasferiti nel Palaspedini, impianto sportivo attiguo allo stadio Angelo Massimino. Ma alcune decine di persone si sono allontanate dal Palaspedini. Alcuni di loro hanno chiesto ai passanti indicazioni per raggiungere la stazione centrale. L’obiettivo è uscire dall’Italia per raggiungere Paesi del Nord Europa. Durante il viaggio è morta una persona, Il corpo di un migrante morto durante il viaggio della speranza è stato trasferito nell’obitorio dell’ospedale Vittorio Emanuele. La petroliera, che batte bandiera di Singapore, attualmente alla rada, aveva prestato soccorso a tre imbarcazioni a circa 120 miglia a sud-est dalle coste siciliane. La Procura distrettuale di Catania, che coordina le indagini, ha disposto l’autopsia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook