Archiviato in | Cabaret, Spettacolo

ANGELA FINOCCHIARO: INTERVISTA DIETRO LE QUINTE

ANGELA FINOCCHIARO: INTERVISTA DIETRO LE QUINTE

La comica milanese insieme a Bruno Stori, il 9 aprile alle ore 21.30 al Teatro Metropolitan di Catania presentano uno spettacolo di Walter Fontana con la regia di Ruggero Cara.

Print Friendly, PDF & Email

Angela Finocchiaro. Catania è pronta ad accogliere l’Open Day di Angela Finocchiaro. La comica milanese insieme a Bruno Stori, il 9 aprile alle ore 21.30 al Teatro Metropolitan di Catania presentano uno spettacolo di Walter Fontana con la regia di Ruggero Cara. Separati da tempo, mediamente tritati dalla vita, entrambi sui cinquanta. Una madre e un padre si ritrovano faccia a faccia in un giorno importante, iscrivere la figlia quattordicenne alla scuola media superiore. Sembra facile, ma non lo è.

Come nasce lo spettacolo “Open day”?

“Io e Walter Fontana in quel periodo avevamo i ragazzi adolescenti e condividevamo dei momenti tra il pianto, il riso e il non saper dove battere la testa – ha spiegato la Finocchiaro. Avevamo voglia di esplorare questo nuovo territorio e quindi cercare di rispondere alla domanda cosa lasciamo in eredità ai nostri figli. Da lì è nato Open Day. Walter poi con il suo umorismo è riuscito a raccontare questi due genitori dai caratteri molto buffi che dovrebbero semplicemente iscrivere i propri figli a scuola ma che diventa un vero girone dell’inferno”

Che mamma è Angela Finocchiaro?

“Saperlo. Uno spera di far bene ma magari sono un po troppo ansiosa. Uno magari va a letto e non è mai tranquillo perché si domanda ma chissà dove ho sbagliato, cosa sto combinando. Uno spera di fare del bene ma sono dei lavori in corso sempre aperti. Si spera di dargli delle ali forti. Insegnare dei sani principi e non riempirli di oggetti materiali”.

In Open Day si ragiona anche sul futuro. Come lo vede quello dell’Italia?

“Adesso stiamo tutti a vedere cosa sta succedendo. E speriamo che si smuova qualcosa. Diciamo che voglio essere fiduciosa. Non voglio sempre lamentarmi. Cerchiamo di essere costruttivi e che Renzi riesca a fare il lavoro migliore. E poi lo giudicheremo dopo il suo lavoro. Speriamo che ci sia un vento di cambiamento soprattutto per i nostri figli perché stiamo consegnando un mondo un po’ parlato”.

Cinema, tv e teatro, qual è la realtà che preferisce?

“Da ingorda mi piacciono tutte. Il teatro rimane la base di partenza di tutte le altre possibili espresioni. Il cinema è un grande innamoramento ma nel teatro sono un po più indipendente. La tv l’ho frequentata un po meno, però sono molto contenta  per quello che ho fatto”.

Quanto è difficile far ridere il pubblico ?

“Questo non lo so. Quando noi scriviamo uno spettacolo non stiamo attenti a dove far ridere lo spettatore. Il fatto di essere già scritti molto umoristicamente ed il fatto di lavorarci in maniera molto seriamente e molto utile. In questo spettacolo il divertimento nasce dall’identificazione nello spettacolo. Siamo tutti nella stessa barca”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook