Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAGEDIA BARCELLONA: LA POLIZIA INDAGA SULLA MORTE DI GABRIELE

TRAGEDIA BARCELLONA: LA POLIZIA INDAGA SULLA MORTE DI GABRIELE

Print Friendly, PDF & Email

Tragedia Barcellona. Ogni giorno il Centro scolastico Polivalente di San Giovanni La Punta  in provincia di Catania ospita più di 2mila ragazzi che tra una lezione e l’altra ridono e si divertono. Dalla giornata di ieri il corridoio centrale del liceo Ettore Majorana, luogo di ritrovo di tutto il popolo studentesco, è vuoto e si sente un silenzio assordante. Un silenzio che racchiude il dolore di aver perso un compagno, un amico, un ragazzo di 15 anni che non potrà più tornare tra quelle mura. La salma di Gabriele Russo, lo studente morto a Barcellona in Spagna durante uno stage letterario all’interno della nave da crociera “Grimaldi Lines” , si trova ancora nella città catalana dove sono in corso le indagini da parte della polizia locale. Ancora, nonostante siano trascorse diverse ore da quella tragica notte di lunedi, non è ben chiara la dinamica. La preside del liceo, la professoressa Carmela Maccarrone, che si trova a bordo della nave da crociera dove si è sviluppata la tragedia, ha raccontato che sembrerebbe – secondo le prime ipotesi ancora in fase di accertamento – che il ragazzo si trovasse in compagnia di altri amici, quando ha effettuato una corsa sul ponte. Arrivato alla ringhiera ha fatto forza sulle braccia perdendo l’equilibrio e finendo violentemente in acqua. Un volo stimato di circa dieci piani. In queste ore il corpo del piccolo Gabriele verrà sottoposto all’autopsia per capire la reale morte. Stupide e prive di fondamento tutte quelle voci che si sono diffuse nelle ore successive all’incidente. Solo dopo il risultato dell’autopsia si potrà chiarire lo stato di salute del ragazzo. Oggi, alle cinque del mattino, è previsto il rientro a scuola degli altri studenti partecipanti allo stage letterario. Intanto nella giornata di ieri all’ingresso del liceo si notava una corona di fiori ed una rosa bianca con scritto “Riposa in pace anima innocente”. Biglietto firmato da “una mamma”. Anche chi non conosceva il piccolo Gabriele non riesce a capire come si possa morire a quest’età.  Un dolore impossibile da capire per tutti ma soprattutto per la famiglia. Gabriele era figlio unico e – come raccontano i vicini di casa – era un bravo ragazzo, cresciuto con immenso amore dai genitori. Il padre un noto direttore di banca e la madre è una insegnante.“Un ragazzo normalissimo – ha spiegato con la voce piena di dolore la vice preside del liceo, Maria Teresa Rizzo – era un mio alunno ed era uno studente con ottimi voti. Un ragazzo allegro e solare come tutti gli adolescenti. Non è ben chiara la dinamica ma posso solamente dire che si tratta di una terribile tragedia”. A testimoniare l’allegria che contraddistingueva Gabriele si possono leggere anche i commenti nella sua pagina facebook. “Eri sempre con il sorriso stampato in faccia” è il commento di Chiara. “Ti ricorderò sempre come un ragazzo forte, sorridente e spiritoso” aggiunge Cristina. Commenti di adolescenti poco più che 14enni ma che purtroppo troppo presto hanno conosciuto il dolore per la perdita di un amico.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook