Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: CRISI MAGGIORANZA, IL DL PAGAMENTI ALLE IMPRESE SI FERMA

REGIONE SICILIANA: CRISI MAGGIORANZA, IL DL PAGAMENTI ALLE IMPRESE SI FERMA

La commissione Bilancio all'Ars rinvia la seduta. Il presidente Dina ha affermato che la commissione è pronta e aspetta la giunta regionale affinchè provveda a farsi sentire. Scaduti i termini il testo andrà in aula per la discussione.

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. La commissione Bilancio questa mattina avrebbe dovuto avviare l’esame del testo ma la seduta è stata rinviata per la crisi in atto nella maggioranza. Quindi rallenta l’iter il dl pagamenti col mutuo da un miliardo che dovrebbe provvedere ai debiti della pubblica amministrazione nei confronti delle imprese. Intanto, il presidente dell’Assemblea Regionale, Giovanni Ardizzone ha avvertito i membri della commissione che a breve scadrà il termine dei 15 giorni, poi, il dl pagamenti andrà direttamente al vaglio dell’aula. Dopo le dimissioni di Luca Bianchi, la delega all’Economia è passata nelle tra le attribuzioni di Crocetta. Dal canto suo, il presidente della commissione, Nino Dina, ha tenuto a precisare che: “La presenza del governo in commissione è indispensabile per le coperture finanziarie. Tutto è pronto, ho convocato la commissione fino a venerdì, aspettiamo che si definisca il quadro politico, poi se il presidente dell’Ars mi dice di avviare l’esame io sono pronto – conclude Dina – ora, aspettiamo che il governo batta un colpo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook