Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PM DI MATTEO PROSCIOLTO DAL CSM

PM DI MATTEO PROSCIOLTO DAL CSM

Nino Di Matteo, Il pm di Palermo, accusato di aver rivelato in un'intervista l'esistenza di telefonate tra Napolitano e Mancino è stato prosciolto dal Csm. Il Consiglio Superiore della Magistratura ha stabilito di non perseguire disciplinarmente il pm siciliano perchè "La notizia era già apparsa su altre testate"

Print Friendly, PDF & Email

Pm Di Matteo. Il Consiglio Superiore della Magistratura ha deciso di non perseguire disciplinarmente il pm di Palermo che era stato accusato di aver rivelato in un’intervista l’esistenza di telefonate tra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino intercettate nell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia. Il Csm ha prosciolto il magistrato in istruttoria, accogliendo la richiesta del Pg della Cassazione, infatti, la decisione è stata presa per “essere stati esclusi gli addebiti”. L’accusa formulata a Di Matteo sotto forma di azione disciplinare nei suoi confronti, era quella di aver violato il diritto alla riservatezza del capo dello Stato, proprio per aver parlato delle telefonate in un’intervista a Repubblica. Il Csm, nell’ordinanza con cui proscioglie il pm, scrive che la ricostruzione e la valutazione dei fatti “consentono di escludere” che le dichiarazioni del pm di Palermo Nino Di Matteo “siano state animate dalla volontà di ledere intenzionalmente il diritto di riservatezza del presidente della Repubblica”.La Procura generale della Cassazione dopo aver condotto gli accertamenti del caso ascoltando nei mesi scorsi diversi testimoni, tra i quali anche diversi giornalisti, verificando che in realtà la notizia dell’esistenza di queste conversazioni tra il presidente della Repubblica e l’ex ministro Mancino era già stata pubblicata il giorno prima dell’intervista del pm di Palermo da alcune testate online e dal settimanale Panorama. Ecco perché il Pg Gianfranco Ciani ha richiesto alla sezione disciplinare del Csm il non luogo a procedere per Di Matteo. L’azione disciplinare era stata avviata anche nei confronti del procuratore di Palermo Francesco Messineo, che era stato accusato di non aver segnalato ai titolari dell’azione disciplinare il comportamento di Di Matteo. Ma essendo venuta meno l’accusa nei confronti del pm titolare dell’inchiesta Stato-mafia, è caduta anche la contestazione nei confronti di Messineo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook