Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: BLITZ DELLA GDF, 11 ARRESTI CON MAXISEQUESTRO AL CLAN DEI “CARCAGNUSI”

CATANIA: BLITZ DELLA GDF, 11 ARRESTI CON MAXISEQUESTRO AL CLAN DEI “CARCAGNUSI”

Confiscati beni per 65 milioni di euro, alla cosca Mazzei tra questi anche il lido "Moon Beach" e la discoteca "Sessantanove lune". Per arricchirsi, aprivano imprese e poi le facevano fallire senza pagare i creditori vendendo la merce acquisita illecitamente in nero. Addirittura, uno dei fermati si era fatto costruire un trono come il protagonista del film Scarface. Tra i fermati il figlio del boss e un luogotenente delle fiamme gialle. Ai domiciliari altri cinque finanzieri.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La guardia di finanza di Catania ha arrestato 11 persone, compreso un luogotenente delle fiamme gialle. L’operazione è stata denominata ‘Scarface’ perchè uno degli indagati, William Cerbo, si era fatto costruire un trono simile a quello utilizzato da Tony Montana, interpretato da Al Pacino, nel celebre film. Nel corso del blitz sono stati sequestrati beni per oltre 65 milioni di euro: società di costruzione, ville, magazzini, il lido balneare “Moon beach” e la discoteca “Sessantanove lune”. L’organizzazione apriva imprese nel settore edile e tessile e poi le faceva fallire non pagando i fornitori e vendendo i prodotti in nero. Questa la tecnica di arricchimento del clan Mazzei il cui reggente era Sebastiano, figlio dello storico capomafia Santo. Si tratta di un distinto filone investigativo, collegato all’inchiesta principale, ha fatto emergere le posizioni, estranee alle vicende mafiose del clan, di altri cinque militari della guardia di finanza in servizio a Catania che sono stati sottoposti agli arresti domiciliari per false attestazioni e omissioni nel corso di un’operazione antidroga. Il militare della guardia di finanza è stato arrestato, da suoi colleghi del comando provinciale e da uomini dello Scico di Roma che hanno indagato anche su di lui. Si tratta del luogotenente Francesco Caccamo, 53 anni, originario di Palermo, in servizio al gruppo del capoluogo etneo. È accusato di avere dato un “contributo causale all’associazione di stampo mafioso”.

Tra gli altri fermati, il boss Sebastiano Mazzei, figlio di Santo, reggente dell’omonimo clan noto come quello dei ‘carcagnusi’. L’operazione è stata denominata Scarface perchè uno degli indadati, William Cerbo, si era fatto costruire un trono simile a quello utilizzato da Tony Montana, interpretato da Al Pacino, nel celebre film. Sequestrati beni per oltre 65 milioni di euro: società di costruzione, ville, magazzini, il lido balneare “Moon beach” e la discoteca “Sessantanove lune”. Le indagini sono coordinate dalla Dda della Procura etnea e secondo quanto emerso da queste vi sarebbero stati episodi di violenze e minacce sia nei confronti di fornitori-creditori sia di clienti ai quali non era stata emessa la fattura fiscale. I reati ipotizzati agli arrestati, a vario titolo sono, intestazione fittizia di beni, estorsione e bancarotta fraudolenta, reato al quale la procura di Catania contesta per la prima volta anche l’aggravante dei metodi mafiosi.

Questi i nomi degli arrestati: Sebastiano Mazzei, nato il 09.01.1972 a Catania; Gaetano Cantarella, nato il 26.05.1952 a Catania;  William Alfonso Cerbo, nato il 18.08.1982 a Catania;  Francesco Ivano Cerbo, nato il 27.05.1960 a Livigno (SO); Gabriele Santi Di Grazia, nato il 17.09.1981 a Catania;  Cirino Antonio D’asero, nato il 05.11.1969 a Livorno Ferraris (VC);  Angelo Finochhiaro, nato il 06.11.1947 a Acicatena (CT);  Carmelo Panebianco, nato il 27.11.1960 a Catania;  Michele Di Grazia, nato il 21.06.1989 a Catania;  Francesco Caccamo, nato il 15.04.1961 a Palermo;  Luigi Zennaro, nato il 20.04.1958 a Catania;

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook