Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: RIMPASTO, CROCETTA AVVERTE “NESSUNA PRESSIONE DECIDO IO”

REGIONE SICILIANA: RIMPASTO, CROCETTA AVVERTE “NESSUNA PRESSIONE DECIDO IO”

Regione Siciliana, vertice di maggioranza previsto nel pomeriggio, potrebbero esserci le condizioni per un rinvio della riunione. Crocetta avverte i partiti della coalizione: "Sono disposto a perdere tutto ma non la dignità, se non ci sarà accordo farò a modo mio. Indietro non si torna: nella nuova giunta nessun politico dei governi Cuffaro e Lombardo". Intanto l’Udc invita crocetta a decidere in fretta, altrimenti potrebbe abbandonare la maggioranza.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Crocetta è duro nei confronti dei partiti della sua maggioranza, che definisce “autoreferenziali e impegnati nella ricomposizione del proprio potere”. “Prima e dopo la campagna elettorale mi sono confrontato con partiti che avevano avuto anche responsabilità precedenti di governo e il patto era chiaro – dice Crocetta – Oggi quel passato non può ritornare attraverso criteri esclusivamente autoreferenziali da partiti che sembrano guardare solo ai loro interessi elettorali e alla ricomposizione interna del proprio potere. Non posso accettare – avverte Crocetta – e non ci si inventi veti del presidente su questioni contabili che non esistono. Con i partiti e i cittadini ho fatto un patto in campagna elettorale, la rivoluzione del cambiamento. E questa rivoluzione non si può fare riproponendo uomini dei governi Cuffaro e Lombardo che hanno avuto una fine dolorosa e frustrante per il popolo siciliano. Erano responsabili? Lo diranno la magistratura e la storia, non sono un giudice, non l’ho mai fatto. Ma il cambiamento e il rinnovamento passano dal concetto di discontinuità”.

Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, lancia un avvertimento ai partiti della sua coalizione a proposito del rimpasto in giunta. Il Crocetta-bis tanto atteso sembra ancora molto lontano, soprattutto dopo l’esito della direzione regionale del Pd e del comitato siciliano dell’Udc che si sono svolti ieri, ed è probabile che salti il vertice di maggioranza, previsto oggi alle 16. Poi Crocetta aggiunge: “I dikat basati ‘o fai così o non ti diamo la fiducia’ con me non funzionano, io ho solo un obiettivo: salvare la Sicilia. Sono disposto a perdere tutto ma non la dignità: se vogliono chiudere, l’accordo lo facciamo in tre ore avendo una cornice chiara sotto un cielo limpido e senza nubi del passato, altrimenti si dia via libera al presidente per fare il suo governo. Sono pronto a formare un governo di alto profilo e presentarmi direttamente davanti all’Assemblea siciliana”. Il presidente Crocetta con tono fermo ribatte: “Il governo nuovo non può avere uomini che ritornano dal passato”, afferma il presidente in attesa delle indicazioni da parte dei partiti della sua maggioranza che formulino i nomi per il rimpasto. Un messaggio diretto agli alleati, in particolare all’Udc che potrebbe proporre il nome di Giovanni Pistorio, segretario siciliano dell’Unione di centro. Sempre Crocetta interviene chiudendo: “Discuto da mesi con le forze politiche, chiedono ‘un governo nuovo’ e mi aspetto dunque uomini e donne che non rappresentino alcuna continuità con le esperienze di governo precedenti. La palude sta proprio nel tentativo continuo di fare riaffiorare il passato che ha vissuto la Sicilia, un passato di due legislature che hanno determinato la crisi finanziaria, economica e sociale della Regione”. Il presidente chiede alla sua maggioranza “netta discontinuità” e bolla come “paradossale” la richiesta di “cambiare la giunta Crocetta proponendo uomini che hanno contribuito al disastro della Sicilia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook