Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GELA (CL): RIMPROVERATA DAL PADRE, 13ENNE S’IMPICCA

GELA (CL): RIMPROVERATA DAL PADRE, 13ENNE S’IMPICCA

La tredicenne si è tolta la vita nella sua stanza e frequentava la terza media. Sul tavolo sono stati trovati due messaggi senza destinatario. Inutili l’intervento del padre e la corsa al pronto soccorso. Tra le ipotesi anche quella dei contrasti a scuola. Gli inquirenti cercano un ipotetico fidanzatino considerato che sul profilo Facebook si descriveva "impegnata". I carabinieri cercheranno di appurare se vi è stata istigazione al suicidio e sono in corso gli interrogatori dei familiari, parenti, insegnanti, qualche compagno di scuola e i ragazzi con cui si vedeva più spesso.

Print Friendly, PDF & Email

Gela. Si pensa a un rimprovero del padre, forse un’incomprensione o una lite tra amici. La ragazzina si è tolta la vita. Avrebbe compiuto 14 anni il prossimo giugno, ma oggi pomeriggio si è uccisa impiccandosi con una corda all’armadio della sua stanza. Frequentava la terza media, all’inizio dell’anno scolastico aveva  e lasciato volontariamente l’istituto dove aveva frequentato le elementari e i primi due anni di media. Il padre dopo aver trovato il corpo della figlia appeso a una corda, preso dalla Disperazione, ha provato a soccorrerla, ma a nulla è valso. Poi, la corsa in ospedale è servita a niente, così come inutili sono stati i tentativi di rianimarla al pronto soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele”. Su uno dei due biglietti lasciati nella sua stanza, senza destinatario, si legge: “Avete visto? Siete contenti?”. I carabinieri ora cercheranno di appurare se vi è stata istigazione al suicidio e sono in corso gli interrogatori dei familiari, parenti, insegnanti, qualche compagno di scuola e i ragazzi con cui si vedeva più spesso. Si cerca inoltre di definire il quadro caratteriale e comportamentale della ragazza.

Le indagini sono coordinate dal pubblico ministero del tribunale di Gela, Lara Secaccini. I genitori gestivano un’attività commerciale che poi hanno venduto. Il padre viene descritto come una persona premurosa, attento a non far mancare nulla alla moglie e ai tre figli. Nessuno, tra i conoscenti della tredicenne, avrebbe mai sospettato un gesto così forte. Intanto gli inquirenti hanno sequestrato, telefonino e personal computer, mentre si cercano eventuali diari o appunti e si scruta con attenzione il profilo Facebook della tredicenne. La ragazzina ha rinunciato presto a lottare e a modo suo pare che abbia voluto dare una lezione a qualcuno, nella maniera più tragica e incomprensibile. Ora si cerca anche un possibile fidanzato, visto che sul profilo Facebook si descriveva “impegnata”.

 

.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook