Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SEQUESTRATI BENI AL FIGLIO DEL BOSS NAVANTERI

CATANIA: SEQUESTRATI BENI AL FIGLIO DEL BOSS NAVANTERI

Maxi Confisca di beni per mezzo milione di euro effettuata tra Catania e Siracusa al boss Salvatore Navanteri, elemento di spicco del clan Nardo capeggiato dal padre Giovanni

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La Direzione investigativa antimafia di Catania ha sequestrato Beni immobili per un valore complessivo di 500.000 euro riconducibili a Salvatore Navanteri, ritenuto elemento di spicco del clan Nardo affiliato al clan Santapaola. E’ stato eseguito un decreto emesso dalla sezione penale del tribunale di Siracusa. Il sequestro è stato effettuato nei territori di Vizzini (Catania), Francofonte (Siracusa) e Teglio (Sondrio). Dagli accertamenti è emerso che il patrimonio è di provenienza illecita per la palese differenza tra i redditi dichiarati da Navanteri e le risorse utilizzate per gli investimenti effettuati nel corso degli anni. Salvatore Navanteri, 59 anni, nato a Vizzini domiciliato a Francofonte (Siracusa), è figlio di Giovanni, ritenuto dagli investigatori a capo di un sodalizio criminale che negli anni 80 entrò con quello capeggiato da Giovanni Caruso in contrasto da cui ne scaturì una faida, nel corso della quale furono commessi numerosi omicidi, tra cui quelli dei fratelli dello stesso Navanteri, che fu arrestato nel gennaio dello scorso anno perché ritenuto responsabile, insieme con altre persone, di detenzione e spaccio di cocaina e sottoposto dal tribunale di Siracusa alla sorveglianza speciale, per due anni, senza obbligo di soggiorno. Il boss a settembre successivo fu nuovamente arrestato nell’ambito dell’operazione denominata “Ciclope” insieme con la moglie, Luisa Regazzoli, e altri presunti esponenti del clan Nardo di Lentini con l’accusa di associazione mafiosa finalizzata alla detenzione illegale di armi. In quella occasione le indagini, coordinate della Procura di Catania, permisero di accertare che nel territorio di Vizzini e Francofonte operava un gruppo criminale con evidenti connotazioni mafiose che aveva il suo vertice nella famiglia Navanteri e che l’uomo, una volta tornato in libertà, si era impadronito del territorio dei due comuni sottraendolo a Michele D’Avola, detto “Cuccarino”, già capo riconosciuto del clan, che era stato arrestato alla fine del 2012 nell’ambito dell’operazione “Black out” per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga. Tutto ciò avrebbe determinato una profonda spaccatura all’interno del gruppo originario di D’Avola e quindi tra coloro che gli erano rimasti fedeli e quelli che invece riconoscevano la nuova leadership di Navanteri.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook