SCIOPERO TIR SICILIA: RAGGIUNTO L’ACCORDO, SOSPESA LA PROTESTA

SCIOPERO TIR SICILIA: RAGGIUNTO L’ACCORDO, SOSPESA LA PROTESTA

Le sigle sindacali degli autotrasportatori siciliani e il ministero delle Infrastrutture hanno raggiunto un accordo: Lupi si è impegnato per risolvere il problema dell'ecobonus. A breve l'incontro con il ministro, ma non si accorderanno al governo ulteriori e indeterminati rinvii.

Print Friendly, PDF & Email

Sciopero Tir. La protesta degli autotrasportatori annunciato da Aias, Fai Sicilia, Assotransport, Aitras e Assiotrat, dalla mezzanotte di domani fino al 28 del mese corrente, è stata per ora bloccata. La decisione è stata presa dopo la nota del ministero delle Infrastrutture, la quale spiega che: “il ministro Lupi e il sottosegretario Del Basso de Caro, sono determinati ad attuare tutte le iniziative possibili per risolvere il problema relativo all’ecobonus per la Regione siciliana e, come noto, a questo proposito hanno convocato tutte le associazioni di categorie coinvolte per martedì”. Giovanni Agrillo, presidente della FAI Sicilia sigla sindacale che aderiva allo sciopero è intervenuto dicendo che: “L’autotrasporto siciliano è al collasso e martedì 25 marzo ci attendiamo che il ministro Lupi individui tempi certi per il pagamento dell’Ecobonus che gli imprenditori siciliani attendono da oltre 4 anni. La Federazione autotrasportatori italiani parteciperà responsabilmente all’incontro con il ministro, ma non accorderemo al governo ulteriori e indeterminati rinvii”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook