Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MAXI OPERAZIONE DEI NAS, NEL MIRINO I RISTORATORI ETNEI

CATANIA: MAXI OPERAZIONE DEI NAS, NEL MIRINO I RISTORATORI ETNEI

Blitz del gruppo Nas dei carabinieri, ispezioni in 121 attività commerciali etnee: chiuse 10 strutture che operavano nel settore alimentare, trovato cibo in cattivo stato di conservazione, sequestrate circa 2 tonnellate di derrate alimentari, rilevate 61 irregolarità. Posti i sigilli a una pizzeria della Scogliera e a due cucine di un hotel del centro storico.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. I carabinieri dei Nas hanno effettuato controlli in 121 attività commerciali di ristorazione a Catania e provincia. Sequestrati circa due tonnellate di alimenti vari in cattivo stato di conservazione. Sono state chiuse 10 strutture, accertate 87 violazioni alle leggi di settore, 20 delle quali penali. I militari hanno elevato sanzioni amministrative per circa 125.000 euro. Irregolarità sono state riscontrate in 61 casi, circa il 50% dei soggetti controllati. La maxi operazione, è stata messa in atto tra giovedì scorso e ieri. I militari dell’arma hanno segnalato alle autorità competenti la chiusura di altre 15 attività e hanno denunciato complessivamente 76 persone alle autorità giudiziarie, sanitarie e amministrative. Tra la merce sequestrata circa una tonnellata di prodotti ittici venduti nei mercatini ittici, alcuni dei quali in cattivo stato di conservazione, un quintale di tonno senza tracciabilità, oltre 2 quintali di alimenti di dubbia origine custoditi in depositi di alimenti etnici, superalcolici detenuti illecitamente. I militari hanno anche chiuso una nota pizzeria, la “Scogliera”, per mancanza di autorizzazione e due cucine di un hotel del centro storico di Catania.  I vari aspetti dell’operazione sono stati illustrati dal vice-comandante nazionale dei Nas Col. Antonio Diomede, che ha incontrato i giornalisti nel Comando provinciale di Catania. Ad effettuarla sono state 20 squadre di Carabinieri dei Nas di Catania, Palermo, Catanzaro, Ragusa, Cosenza, Taranto e Reggio Calabria insieme ai militari del Comando provinciale etneo. Tra la merce sequestrata anche cibo custodito in strutture sprovviste dei prescritti requisiti igienico-sanitari e strutturali, o privo di documentazione necessaria per la tracciabilità. Il valore delle strutture chiuse è stimato in circa 1 milione e mezzo di euro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook