Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: BLOCCATO COMMANDO MAFIOSO FORSE PRONTO AD AGIRE

PALERMO: BLOCCATO COMMANDO MAFIOSO FORSE PRONTO AD AGIRE

Il commando mafioso è stato bloccato da una pattuglia di polizia grazie a una telefonata al 113. A bordo dell’auto risultata rubata, due uomini armati forse pronti ad agire. All'interno del veicolo sono stati trovati dei passamontagna e guanti. Forse possibili collegamenti con il clan di Porta Nuova e l'omicidio Di Giacomo

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Martedì sera, a piazza Lolli, due persone sono state bloccate da una pattuglia della polizia, forse un commando mafioso forse pronto a entrare nuovamente in azione, nel capoluogo siciliano. Ma una telefonata al 113 pare abbia evitato il peggio. Sono caduti nella rete della polizia due uomini armati con una 7,65 e un revolver calibro 38, l’auto nella quale si trovavano è risultata rubata. All’interno del veicolo sono stati trovati passamontagna e guanti. La calibro 38 sequestrata sarà messa a confronto con i proiettili estratti dal corpo di Giuseppe Di Giacomo ucciso mercoledì scorso. Secondo quanto riportato dall’edizione locale di Repubblica, uno dei fermati, è parente del boss Tommaso Lo Presti, sospettato di essere il capo del clan Porta Nuova. Della vicenda se ne sta occupando la polizia di Stato, infatti, gli investigatori della Squadra mobile, ieri, sono stati a lungo in Procura, con i pm che coordinano le indagini su Porta Nuova e sull’omicidio di Giuseppe Di Giacomo, avvenuto mercoledì scorso.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook