Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: LIBRINO, RUBA 450 CHILI DI RAME DAL CANTIERE DELL’OSPEDALE

CATANIA: LIBRINO, RUBA 450 CHILI DI RAME DAL CANTIERE DELL’OSPEDALE

I carabinieri bloccano un 25enne a bordo di una Fiat Punto rubata. All’interno della vettura era nascosto il materiale rubato nel cantiere edile del costruendo Ospedale “San Marco” di Librino, il rame era coperto da un telone

Print Friendly, PDF & Email

Catania.(foto di repertorio) I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato Coco Salvatore, 25 anni residente a Catania. Una pattuglia di militari dell’arma in abiti civili, lo ha boccato a Librino, in Viale Moncada mentre viaggiava a bordo di una Fiat Panda risultata rubata l’8 marzo scorso in viale Jonio. Condotto in caserma gli è stato contestato il reato di furto aggravato e ricettazione. Oltre all’auto risultata rubata, i carabinieri nel corso della perquisizione hanno rinvenuto e sequestrato, nascosti sotto un telo, circa 450 kg di cavi di rame rubati in nottata all’interno del cantiere dell’Ospedale “San Marco” in costruzione che si trova a Librino. L’auto e il rame sono stati restituiti ai legittimi proprietari mentre il giovane è stato arrestato e posto ai domiciliari in attesa del rito penale per direttissima.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook