Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: PASSA IN GIUNTA LA MANOVRA BIS.CONFINDUSTRIA,”SIAMO VICINO AL DEFAULT”

REGIONE SICILIANA: PASSA IN GIUNTA LA MANOVRA BIS.CONFINDUSTRIA,”SIAMO VICINO AL DEFAULT”

La giunta Crocetta ha approvato ieri sera la manovra bis da circa 300 milioni di euro destinata a pagare gli stipendi di forestali e personale di enti pubblici. La Finanziaria-bis ha dovuto ragionare fortemente su ciò che restava della Finanziaria impugnata dal prefetto Aronica. Confindustria: "La Regione siciliana sta arrivando al default, non per responsabilità del governo Crocetta ma per trent'anni di cattiva gestione”.

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Nella manovra bis che ha approvato la giunta Crocetta sono stati previsti tagli in bilancio del 20%, ridotti i fondi a enti e consorzi e altre voci di spesa dell’allegato 1 per 100 mln di euro rispetto a quanto previsto nella legge di stabilità in buona parte impugnata dal commissario dello Stato che ha creato il blocco di 570 mln vincolati nel fondo a copertura dei residui attivi. La manovra adesso sarà trasmessa all’Ars per l’esame in commissione Bilancio. La manovra copre in parte una falla molto ampia: circa mezzo miliardo di euro cancellato dall’impugnativa del Commissario dello Stato e precipitato dentro un Fondo vincolato per gli equilibri di bilancio. Di quei soldi, il governo ha potuto sbloccare circa 300 milioni. La Finanziaria-bis ha dovuto mettere le mani profondamente su ciò che restava della Finanziaria impugnata dal prefetto Aronica. Il governo ha scelto di privilegiare stipendi e lavoratori, suscitando qualche perplessità tra le parti sociali.

Confindustria interviene e a lanciare l’allarme all’Ansa è Antonello Montante il presidente di Confindustria in Sicilia e responsabile nazionale per la legalità. “Il problema è molto serio – ha detto Montante all’Ansa – le imprese sono seriamente preoccupate e chi pensa ancora che tanto poi arriva l’aiuto dello Stato si sbaglia di grosso”. Intanto, Confindustria lancia l’allarme: “La Regione siciliana sta arrivando al default, non per responsabilità del governo Crocetta ma per trent’anni di cattiva gestione. Per evitare di rimanere prigioniero, il presidente dopo avere destrutturato il sistema, lavoro apprezzabile, adesso passi al secondo step quello della ricostruzione: predisponga un business plan di 4-5 punti su cui concentrare gli sforzi per lo sviluppo, affidandosi a gente esperta, competente e dai comportamenti etico-morali irreprensibili. Gli stipendi è ovvio vanno pagati – afferma Montante – ma ora bisogna pensare a sostenere le imprese e le famiglie siciliane con politiche di sviluppo e di tagli agli sprechi”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook