CROCETTA: RICEVE BUSTA CON PROIETTILE

CROCETTA: RICEVE BUSTA CON PROIETTILE

La inquietante missiva è stata intercettata dai sistemi di controllo a Palazzo d'Orleans. Il plico con il proiettile è già stato acquisito dagli investigatori per indagare sulla vicenda.

Print Friendly, PDF & Email

Crocetta. La busta era indirizzata al presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta e conteneva al suo interno un proiettile da fucile di grosso calibro è stata intercettata dai sistemi di controllo a Palazzo d’Orleans. Il plico è stato consegnato agli investigatori che già stanno indagando sulla vicenda. Crocetta stamane è arrivato a Catania per presentare il piano Zfu a Librino e il nuovo progetto della cittadella giudiziaria in municipio. Parlando con i giornalisti il presidente della provincia è apparso provato e teso, ma con la piena consapevolezza sui provvedimenti da prendere: “quello che è accaduto è molto inquietante – spiega il presidente – intensificheremo l’azione antimafia in modo ancora più forte. Questo è il risultato anche di chi con toni verbali estremizza”. Poi in riferimento alle parole pronunciate ieri dal coordinatore di Forza Italia, Vincenzo Gibiino a Taormina aggiunge in maniera netta: “quando si parla di colpi di Stato alla siciliana un esempio è questo”. “Cosa cambierà? Mi sono candidato alla presidenza della Regione per decidere di buttare fuori la mafia e il malaffare. Questo mio programma sarà portato avanti fino in fondo, anche correndo i rischi più estremi. Da presidente della Regione ho ricevuto una serie di minacce che non ho neanche reso pubbliche. Del resto ho toccato e denunciato tante cose, abbiamo denunciato il malaffare delle Asp, nella sanità, nelle assicurazioni, nei beni culturali, nei lavori pubblici. C’è una serie infinita. Nel mio caso dire che non te l’aspetti è proprio guardare la rubrica telefonica…”.

Sempre durante il colloquio con i cronisti ha affermato seccamente: “Un pò di altre denunce ce l’ho ancora nel cassetto da presentare! Ho sempre avuto questa logica sin dal momento in cui sono diventato sindaco. Il giorno in cui sono diventato primo cittadino mi hanno minacciato e l’indomani, siccome a farmi quelle minacce era chi gestiva i lavori di somma urgenza, all’indomani ho abolito i lavori di somma urgenza. Prenderemo altre misure ancora più pesanti e altre denunce che attendono, che bisognerà fare, con uno sforzo e con un impegno antimafia senza precedenti”. Con il volto teso il presidente Crocetta ha risposto alle affermazioni del cavaliere: “Giusto per rispondere a Silvio Berlusconi: questa Zona franca urbana era bloccata dal 2009, quando il governo di centrodestra non fece alcunché” aggiunge Crocetta tornando sulle accuse di “grave immobilismo” che gli sono state mosse dal leader di Forza Italia. “Nella migliore delle ipotesi – ha aggiunto Crocetta – il governo nazionale aveva approvato tre sole zone franche urbane, una a Librino, una a Gela, una ad Erice. Noi ne abbiamo approvate 18 compresa Lampedusa, quella Zona franca urbana che promise a Lampedusa e per cui non aveva fatto nulla. Altro che governo immobile. È un governo invece – ha sottolineato il governatore Crocetta – che l’anno scorso ha utilizzato tutti i fondi europei, ha messo 150 milioni euro, e nella prossima programmazione metteremo altri 150 milioni euro di euro”. Una valanga di messaggi di solidarietà si sono avvicendati senza sosta: solidarietà dall’Udc e dal Partito democratico. Gucciardi: “Minacce che arrivano in un clima politico che ha raggiunto tensioni esasperate”. Montante: “Vicini a Crocetta, ha rotto vecchi meccanismi” e ancora da tutto l’arco politico.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook