Archiviato in | Politica, Politica Regionale

TAORMINA (ME): BERLUSCONI CHIUDE IL MEETING DI FI

TAORMINA (ME): BERLUSCONI CHIUDE IL MEETING DI FI

Taormina. Si conclude il meetig regionale di FI. Il Cavaliere interviene in collegamento telefonico e critica con forza l’operato dell’amministrazione Crocetta: "È inaccettabile il suo immobilismo, la paralisi è totale, noi siamo un'opposizione responsabile e costruttiva". Non si fa attendere la replica del presidente della Regione: "Il centrodestra, dopo averla distrutta, vuole impedire il riscatto dell'isola". “Le Province? Qualcuno ha definito la riforma un aborto”.

Print Friendly, PDF & Email

Taormina. Vincenzo Gibiino, segretario regionale di Forza Italia, già nella prima giornata aveva annunciato la telefonata del Cavaliere. D’un tratto i presenti nella sala si sono alzati tutti in piedi urlando “Forza Silvio”. Poco prima Gibiino aveva fatto scaldare gli animi dichiarando che “Il governo Crocetta fa cadere le braccia non so proprio cosa sia necessario fare” chiede Gibiino alla sala, “ci vorrebbe un colpo di Stato regionale, uno di quelli che hanno fatto con noi a livello nazionale”. Poi, protagonista della seconda e conclusiva giornata e Silvio Berlusconi che interviene telefonicamente a chiusura del meeting. Esistono “consapevolezze che ci fanno stare all’opposizione dura del governo Crocetta: il fatto che ci sia un immobilismo veramente inaccettabile da parte della giunta regionale, la finanziaria di fine anno bocciata dal commissario dello Stato, una riforma delle province che qualcuno ha definito un aborto, il non utilizzo dei fondi strutturali Ue, l’assenza di credito e di ossigeno per le imprese. Ormai tutti i siciliani che vanno all’estero si chiedono perché tutto ciò che di bello vedono all’estero non possa realizzarsi in una terra magnifica come la Sicilia. Nel futuro della vostra Isola ci sono molte cose belle che si possono fare. Credo che tutto questo – ha spiegato Berlusconi – ci dia ragione nell’essere opposizione dura a questo governo, opposizione anche di proposta, visto che siamo persone positive, che viene fuori proprio dai nostri dipartimenti regionali”. Ma Berlusconi non risparmia stoccate soprattutto alla politica regionale siciliana ed è critico sull’azione del governo Crocetta. “L’immobilismo del governo regionale di Crocetta è veramente inaccettabile” e ancora “nessuna idea su turismo, commercio, industria, agricoltura”. Poi ricorda l’impugnativa del commissario di Stato alla finanziaria e la riforma delle Province che “qualcuno ha definito un aborto, non mi sembra proprio un bel complimento”. E ancora nel suo intervento durato poco più di mezz’ora, escono parole di incitamento ai presenti parlando di “rivoluzione culturale”: “I siciliani devono essere protagonisti del loro futuro. C’è un dovere per tutti: darsi da fare per decidere sul comune destino di voi siciliani e di noi tutti italiani”. In prima fila ci sono Nello Musumeci, leader della Destra candidato contro Crocetta, Gianfranco Miccichè, che apostrofa il governo Crocetta come “pessimo”. Salvo Pogliese, deputato regionale di Forza Italia, è tra i più accreditati candidati alle europee, insieme a Basilio Catanoso. In sala anche l’eurodeputato Iacolino, che conferma la candidatura alle europee, Antonino Amendolia, ex assessore di Raffaele Lombardo oggi transitato in Articolo 4, ma “fiero sostenitore” di Forza Italia che confida di aver “patteggiato” l’accusa di violenza privata e di voler puntare al futuro. Presente anche Fabio Mancuso, tornato, dopo un breve transito nel Mpa, in Forza Italia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook