Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: ADDIO ALLE PROVINCE, ARRIVANO I LIBERI CONSORZI

ARS: ADDIO ALLE PROVINCE, ARRIVANO I LIBERI CONSORZI

Dopo settimane di lavoro, incomprensioni e scontri, l'Ars approva tutte le norme del disegno di legge, che prevede l’abolizione delle province siciliane e istituisce i liberi consorzi, comunque martedì si terrà una seduta dell’Assemblea che prevede il voto finale. Il governatore siciliano: "Incessante lavoro di mediazione. I dipendenti stiano tranquilli". Decisivo l'appoggio di M5s e Ncd

Print Friendly, PDF & Email

Ars approva tutte le norme del disegno di legge, che prevede l’abolizione delle province siciliane e istituisce i liberi consorzi: martedì si terrà una seduta dell’Assemblea che prevede il voto finale.  Quindi si salutano definitivamente le Province. D’ora in poi in Sicilia saranno costituiti i ‘Liberi Consorzi’ e le città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. L’Assemblea siciliana ha approvato tutte le norme del disegno di legge, rinviando a martedì il voto finale. Il percorso per la maggioranza è stato molto difficile, con il governo che è andato sotto più volte durante quasi un mese e mezzo di discussione della riforma, con le opposizioni che hanno fatto ricorso all’ostruzionismo e che durante la maratona parlamentare hanno più volte sostenuto che il testo potrebbe essere impugnato dal commissario dello Stato, perché conterrebbe norme incostituzionali. Dopo la grande battaglia è arrivato il salvataggio per Crocetta e la sua maggioranza in soccorso sono intervenuti i penta-stellati e il Ncd che hanno garantito l’approvazione delle norme più importanti della riforma. Attualmente i Liberi consorzi sono nove, quanto le attuali Province, ma potrebbero diventare di più nei prossimi sei mesi se i comuni riusciranno a formare nuovi enti, partendo da una popolazione minima di 180 mila abitanti. Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta ha spiegato che: “durante i lavori c’è stata una mediazione che ha portato, alla fine, a esitare una legge persino migliore di quella che avevamo pensato: è stata una grande fatica – ha aggiunto Crocetta”. Poi il presidente rassicura i dipendenti degli enti: “I lavoratori non devono preoccuparsi perché saranno valorizzati. Una parte dei funzionari sarà trasferita ai comuni dove potranno mantenere lo status, alcuni andranno nei Liberi consorzi e nelle città metropolitane, questo verrà fatto per migliorare i servizi”.

Con questa legge scompare il voto diretto, quindi gli organismi rappresentativi (presidenti e assemblee) che passano in secondo livello. Il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone afferma: “Siamo andati avanti con una maggioranza d’aula anche in presenza di voto segreto, lo vedo come un fatto positivo. Oggi si è segnato un notevole passo in avanti, un’ulteriore fase di completamento dell’abolizione delle Province avviata un anno fa”, aggiunge Ardizzone, secondo cui “ora si deve puntare in maniera significativa sulle città metropolitane”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook