SIRACUSA: IL PREMIER RENZI IN VISITA NELLA CITTÀ ARETUSEA

SIRACUSA: IL PREMIER RENZI IN VISITA NELLA CITTÀ ARETUSEA

Renzi in visita nella città di Dionisio ha iniziato il suo giro incontrando i ragazzi dell'istituto Raiti. Mentre ad accoglierlo anche la contestazione dei pentastellati e dei precari che gridavano al premier ”Renzi non sei credibile”. Poi alle maestranze riunite in municipio ha annunciato che mercoledì il governo presenterà importanti misure economiche e a breve scadenza il piano casa, Jobs act e due miliardi per la scuola.

Print Friendly, PDF & Email

Siracusa. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, si trova in visita nella città aretusea. Il capo del governo si è diretto a piedi alla scuola Raiti dove lo hanno accolto la preside e il corpo docenti, gli scolari e una moltitudine di cittadini. Alcuni lavoratori che lo attendevano fuori dal plesso gli si sono avvicinati per chiedere un sostegno da parte del governo. Una volta entrato nell’istituto intitolato al carabiniere ucciso nella strage della circonvallazione di Palermo nel 1982, ha incontrato gli 800 alunni, fra cui 40 diversamente abili e 30 stranieri. “È il momento più difficile da 30 anni a questa parte per chi perde il posto di lavoro – ha detto – dobbiamo cercare di fare uno sforzo vero. Che la scuola italiana torni ad essere la patria della bellezza e della cultura. Mi avete chiesto: preparaci un futuro. Il futuro cerchiamo di prepararlo insieme a voi e ai vostri insegnanti. Torno a Roma felice perché so di poter contare sui bambini di Siracusa”, ha detto poi rivolto ai bambini. All’incontro che si è tenuto a scuola erano presenti il sindaco Giancarlo Garozzo e la sua giunta con il vicepresidente di Confindustria, Ivan Lo Bello e l’arcivescovo di Siracusa, Salvatore Pappalardo. Renzi per l’occasione era accompagnato dal sottosegretario alla presidenza Graziano Delrio. Poi durante l’incontro ha dichiarato che “La scuola è luogo di sogni – noi con Graziano Delrio, che è qui con me, e con i ministri, faremo di tutto per fare delle scuole il luogo della grande bellezza”. I ragazzini hanno accolto il premier con canti e musica e gli hanno consegnato dei bigliettini su cui hanno scritto i loro sogni mettendoli dentro palloncini che hanno fatto alzare in volo. Anche il presidente ha scritto il suo bigliettino e parlando ai bambini, che lo hanno accolto con la scritta ‘I have a dream’, ha ricordato loro l’importanza di sognare.

All’uscita dalla scuola non sono mancate le contestazioni erano presenti i pentastellati e un folto numero di precari della scuola. Tra i manifestanti anche i lavoratori della Pirelli di Siracusa, esponenti di Forza Nuova e un’associazione che chiede un intervento per riportare in Italia i due marò detenuti in India oltre una delegazione della Sotis, azienda che lavora per conto del Comune. Nei cartelli che esponevano c’era scritto “Non sei credibile”, e ancora un altro “Devi passare prima dal voto popolare”. Insieme a loro si sono dei lavoratori precari della scuola per protestare contro i licenziamenti. I contestatori mentre suonavano fischietti urlavano slogan contro il presidente del Consiglio. Sit in anche a Palazzo Vermexio.

Renzi si è recato sempre a piedi al palazzo comunale per incontrare i sindaci della provincia di Siracusa, imprenditori e sindacati. Durante la riunione il premier ha ribadito agli amministratori presenti di rinunciare alle passerelle politiche e dedicarsi alle cose operative, con l’invito a scegliere una scuola per avviare i lavori di adeguamento ricordando la scadenza imminente dei bandi. Dopo l’annuncio del premier: “Siamo pronti per presentare provvedimenti economici molto importanti. Mercoledì presenterò il piano casa: non ce la facciamo venerdì, lo stiamo rivedendo. E presenteremo anche il Jobs act e le misure per la scuola, misure che mettiamo tutte insieme per non incatenare i sindaci, ma scatenarli”. E sull’onda dell’emotività Renzi ha aggiunto: “Ci sono 2 miliardi di euro pronti per l’edilizia scolastica. Bisogna rilanciare l’efficientamento energetico della scuola perché si possa spendere meno in bollette e riservare una corsia preferenziale ai soldi per la scuola, perché si spendano con tempi più serrati di quelli previsti dalle norme vigenti. L’ambizione di partire dalla scuola però non è solo un investimento di natura edilizia ma di natura educativa e culturale fondamentale: serve a riconnettere il rapporto tra cittadini e istituzioni”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook