Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: APPROVATA LA NORMA SULLE CITTÀ METROPOLITANE

ARS: APPROVATA LA NORMA SULLE CITTÀ METROPOLITANE

Approvata dall’Ars la norma contenuta nel disegno di legge di riforma delle Province. Determinante l'accordo raggiunto dalla maggioranza con M5s e Ncd. Il presidente Crocetta lo ha definito un risultato politico importante. Passa così la norma che istituisce le tre città metropolitane di Palermo, Catania e Messina.

Print Friendly, PDF & Email

Ars. Determinante l’accordo raggiunto dalla maggioranza con M5s e Ncd. Così l’Assemblea Siciliana, ieri sera ha approvato la norma che istituisce le tre città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. La norma è contenuta nel disegno di legge di riforma delle Province regionali, sostituite con i Liberi consorzi. La norma sulle città metropolitane, emendata dal Ncd col parere favorevole del governo e della commissione Affari istituzionali, prevede che il territorio delle città metropolitane “coincide con quello delle aree metropolitane individuate con decreto del presidente della Regione del 10 agosto 1995 e dei rispettivi comuni”. Adesso, i deputati regionali devono votare gli ultimi 4 articoli del ddl dove si affrontano gli aspetti tecnici. Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta ha commentato a caldo il risultato del lavoro dell’Assemblea: “Stiamo incassando un risultato politico importante – ha affermato – la norma segue quella che ha istituito i Liberi Consorzi al posto delle Province, abolendo il voto diretto sostituendolo con quello di secondo livello per la composizione degli organismi. In merito il presidente Crocetta riporta l’esempio di Pasolini: “Nel Decameron Pasolini appare subito nelle vesti del narratore e dice di volere fare un film e alla fine aggiunge che se non è venuto come l’aveva previsto non è detto che non sia venuto meno bello. Ecco – afferma Crocetta – io cambio e me ne faccio un vanto, perché un bravo politico cambia opinione: per me è una norma importante”. Il ddl tornerà in aula oggi pomeriggio alle 16 in discussione ancora gli ultimi quattro articoli: poi il voto finale.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook