Archiviato in | Musica, Spettacolo

RIO: INTERVISTA A FABIO MORA

RIO: INTERVISTA A FABIO MORA

I Rio. Ancora una volta i catanesi hanno avvolto con il loro calore i “Rio”.

Print Friendly, PDF & Email

Rio. Ancora una volta i catanesi hanno avvolto con il loro calore i “Rio”. Fabio Mora (voce), Fabio “Bronsky” Ferraboschi (basso), Alberto “Paddo” Paderni (batteria) e Gio Stefani (chitarra) hanno presentato dal vivo ai loro fan gli ultimi inediti tratti dal nuovo album “Fiori” tra i quali “Un giorno alla volta” e “Terremosse”.

Come nasce questo ultimo lavoro discografico?

“E’ nato in un momento molto turbolento – spiega la voce Fabio Mora – però è il disco più sereno. Abbiamo cominciato a lavorare all’album quando in Emilia Romagna la terra ha ballato un pò. Però all’interno c’è una sonorità come non abbiamo mai fatto. Molto vicino alla Giamaica e alle Hawai”.

A testimonianza di questa terra che balla all’interno c’è anche il singolo “Terremosse”. Ma come nasce un brano?

“Bella domanda. Domanda da 100 dollari. Un brano nasce quando ci provoca emozioni. Terremosse è nato dalla tragedia e dal triste evento che ha colpito la nostra terra ma molte volte un brano nasce dagli amori, dai sogni che i nostri fan ci raccontano nei backstage. Le loro storie vengono filtrate con le nostre vite ed ecco che nasce un brano. Noi siamo molto semplici e vogliamo raccontare la vita di strada”.

La Sicilia è sempre pronta ad accogliervi, qual è il vostro rapporto con questa isola?

“Siamo innamorati di ogni posto dove andiamo. Siamo un po’ zingari ma non voglio raccontarti la favola. La Sicilia è una terra meravigliosa e con grandi amici che ogni volta abbiamo voglia di vedere. Qui abbiamo girato anche il video del brano “In ogni istante” passando anche da questa meravigliosa Catania. Tutto alla guida di un maggiolone. Ogni volta che veniamo qui vogliamo portare un po’ di sole emiliano ed immagazzinare il calore della Sicilia”.

I vostri album sono ad “Impatto Zero”. Credete molto alla tutela dell’ambiente.

“Assolutamente si. C’è molto da fare e c’è molta ignoranza sull’ambiente. Tutto dipende dalla sensibilità delle persone. Noi, tramite dei tecnici, analizziamo il nostro inquinamento ambientale che avviene sia dal cd che dai live e di conseguenza andiamo a piantare alberi in varie parti del mondo per salvare il nostro mondo”.

Voi prima di arrivare al grande pubblico avete fatta molto gavetta, ma cosa ne pensa dei talent?

“Potrebbe essere un punto di partenza e non di arrivo. Il talent è un trampolino però se ci si tuffa nel mare senza avere le spalle grandi è inutile. La gavetta ti permette di non stare in ginocchio”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook