Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: LA MARCIA NON SI FERMA

MUOS: LA MARCIA NON SI FERMA

In piazza a Niscemi erano in duemila persone. Sono arrivati da tutta la Sicilia per una nuova manifestazione di protesta contro il sistema satellitare Usa. Il popolo no muos mostrava striscioni e cartelli. Durante la manifestazione vi sono stati dei momenti di tensione con le forze dell'ordine: un'attivista di Palermo e un agente sono finiti in ospedale. Grande tensioni e slogan anti Crocetta.

Print Friendly, PDF & Email

Muos. Un lungo corteo di gente colorata diverse migliaia di persone con bandiere, striscioni, cartelli e tamburi hanno dato vita a una manifestazione di protesta contro il Muos, il sistema di comunicazione satellitare ad altissima frequenza contestato per i suoi campi magnetici ritenuti pericolosi alla salute. La raduno era iniziato pacificamente, quando un gruppo di manifestanti ha cercato di forzare il cordone di polizia che proteggeva la base Americana in totale tenuta antisommossa. La vicenda si è svolta in contrada Ulmo. Appena la gente si è avvicinata è partita la carica delle forze dell’ordine. Il bilancio degli scontri è di due feriti. Si tratta di un’attivista palermitana, Valeria Cimò, che è stata colpita alla fronte e un agente di polizia al naso. Sono entrambi ricoverati in ospedale e saranno sottoposti ad accertamenti, ma non risulterebbero in gravi condizioni. La donna è stata soccorsa da un medico che partecipava alla manifestazione. Secondo il racconto dei presenti, affinche arrivasse l’ambulanza che avrebbe dovuto trasportare la ferita in ospedale si sono dovuti attendere 20 minuti. Nessun mezzo di soccorso, infatti, aveva seguito il corteo. Non è stato ancora chiarito se a colpire la manifestante sia stato un sasso lanciato dagli altri attivisti o la manganellata di un poliziotto. Alla manifestazione hanno partecipato uomini donne e bambini arrivati da ogni parte della Sicilia e da Lampedusa. lo spiegamento di forze dell’ordine è stato imponente. Il corteo ha percorso i viottoli della Sughereta per raggiungere la base militare americana che ospita 46 antenne tutte attive. Al corteo hanno aderito anche i movimenti pacifisti, gli autonomi e gli schieramenti politici extraparlamentari, tra i dimostranti sono stati notati anche due monaci buddisti. Al termine della dimostrazione, quasi tutti gli attivisti sono ritornati alle loro case. Solo un piccolo gruppo è rimasto a presidiare l’ingresso della base Americana.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook