Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

METER ONLUS – DON DI NOTO: “ABBIAMO VISTO BIMBI TORTURATI”

METER ONLUS – DON DI NOTO: “ABBIAMO VISTO BIMBI TORTURATI”

I tecnici dell'associaziazione Meter onlus di don Di Noto hanno denunciato alla polizia postale la presenza in rete di alcuni filmati nei quali i neonati vengono bruciati con la cera bollente. “Quanto abbiamo visto ha superato ogni nostra immaginazione” ha denunciato il presidente dell’associazione.

Print Friendly, PDF & Email

Meter onlus – don Di Noto. Bambini di 10 mesi violentati e torturati, ai quali viene dato fuoco o colata cera bollente sulla pelle. Le community dei pedofili utilizzano un sistema basato su Tor, che consente comunicazioni anonime e non intercettabili. Il contenuto di alcuni filmati scambiati nel “deep web”, il lato oscuro della Rete, la cui presenza è stata denunciata dall’Associazione Meter Onlus di don Fortunato Di Noto al Compartimento Sicilia Orientale della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania per l’accertamento del caso e per l’individuazione dei soggetti coinvolti. L’associazione con una nota ha reso noto  che si tratta della: “la prima volta che filmati così crudeli e del genere vengono rinvenuti online” e che i suoi volontari hanno potuto assistere a scene di “donne con il volto coperto da maschere di carnevale intente a violentare e molestare i piccoli, di bambine legate, bruciate con cera bollente e affogate con la testa nel water e atti sessuale e di libidine di estrema gravità”. Don Di Noto ha spiegato che: “La pedofilia  non arretra di un passo: aumentano le donne e le torture sessuali con bambini in tenerissima età ed è in atto un significativo aumento di questa criminale tipologia. Le community dei pedofili stanno sempre più utilizzando questo sistema in anonimato. I pedofili utilizzano un sistema basato su Tor, il software che ha come simbolo una cipolla (la sigla è The Onion Routing) che consente comunicazioni non intercettabili. Continueremo a segnalare tutto questo – ha aggiunto il sacerdote – anche se siamo rimasti senza un soldo e non abbiamo più autonomia, malgrado le promesse della politica. Quanto abbiamo visto ha superato ogni nostra immaginazione. Solo la collaborazione internazionale può riuscire a sconfiggere questo crimine”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook