CATANIA: LA VISITA DI NAPOLITANO TRA APPELLI E PROTESTE

CATANIA: LA VISITA DI NAPOLITANO TRA APPELLI E PROTESTE

La mattina è iniziata al Palazzo degli Elefanti, dove alla presenza del sindaco Enzo Bianco e del Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta è stato discusso e firmato il tema “Catania e lo sviluppo del Distretto Sud Est Sicilia”.Il Capo dello Stato, però, ha fatto da “spettatore” all’incontro senza nessun commento ufficiale.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Una visita “alquanto strana” quella di Giorgio Napolitano a Catania. Ad aspettarlo, infatti, erano di più i giornalisti, cameraman e fotografi che i cittadini catanesi. Diversi gli appuntamenti del Presidente della Repubblica. La mattina è iniziata al Palazzo degli Elefanti, dove alla presenza del sindaco Enzo Bianco e del Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta è stato discusso e firmato il tema “Catania e lo sviluppo del Distretto Sud Est Sicilia”.Il Capo dello Stato, però, ha fatto da “spettatore” all’incontro senza nessun commento ufficiale. Napolitano,  insieme alla consorte, dopo l’incontro al Comune di Catania ha continuato la sua visita nella Cattedrale di Catania, dove ha visitato il busto reliquiario di Sant’Agata. – Scelta non condivisa da una buona percentuale di devoti – Nel pomeriggio, dopo un pranzo in Prefettura, il Capo dello Stato è andato a visitare gli stabilimenti della St Microelettronica ed ha inaugurato il nuovo anno accademico all’Università presso i “Benedettini”.  Durante l’incontro i lavoratori del Comitato Spontaneo Dipendenti Aligrup, hanno inviato una lettera al Capo dello Stato. Siamo lavoratori della ditta Aligrup S.p.a. con sede in S.Giovanni La Punta (CT), società che fatturava 300 milioni di euro, definita da tutti gli operatori del settore un fiore all’occhiello della GDO nazionale, ed attualmente in liquidazione con Concordato Preventivo omologato dal Tribunale di Catania .

Con questa lettera La interpelliamo, nella certezza che venga finalmente ascoltato il grido disperato, di chi si trova schiacciato dall’inoperoso silenzio di coloro che hanno avuto un ruolo decisionale nella drammatica vicenda che ha colpito la nostra azienda. Come tante volte ribadito, al Presidente della Regione, ai Ministri del Lavoro e Politiche Sociali, dello Sviluppo Economico, degli Interni, ai prefetti di tutte le Provincie interessate, nonché alle varie Enti Istituzionali locali, noi rivendichiamo con dignità il diritto al lavoro che deve riguardare tutti gli esseri umani di buona volontà , che vogliono e devono assicurare un futuro alle proprie famiglie .

All’inizio della nostra lotta eravamo 1500 lavoratori, ma lo smembramento della struttura organizzativa dell’azienda (composta da n.52 tra ipermercati e supermercati dislocati in 6 provincie siciliane, il centro direzionale con oltre 100 dipendenti), e la “non” acquisizione dell’intera azienda da parte di un unico operatore, ha lasciato senza speranze ancora circa 600 lavoratori , alcuni dopo 10, 20 o 30 anni di sacrifici e soddisfazioni per aver dato, anche, un minimo contributo alla crescita della propria azienda .

Tali lavoratori sono ad oggi in CIGS che si concluderà il 17 marzo p.v., ma questo Comitato , come previsto dalle normative vigenti in materia, ha chiesto all’azienda la proroga di mesi 6 della Cassa Integrazione, sebbene ad oggi non definita . Concludendo, facciamo appello a Lei , On. Presidente della Repubblica, sicuramente animato da profondo “senso di giustizia sociale” , affinché si possa trovare una soluzione condivisa da tutti (Istituzioni Nazionale e Regionali, OO.SS. ecc.) con le modalità e gli strumenti che le normative, anche in deroga, consentono di applicare per ridare la dignità, colpevolmente calpestata da tanti,  ed essere detentori di un posto di lavoro . Certi che la Sua solidarietà, pur in questo gravissimo momento di crisi, si tramuti in un deciso impulso affinchè la nostra triste vicenda abbia uno sbocco positivo , nell’interesse, da ritenersi “PUBBLICO” , di centinaia di famiglie, cogliamo l’occasione per inviaLe un cordiale saluto .

Nel discorso il sindaco Enzo Bianco ha ricordato come il Presidente Napolitano non ha mai fatto mancare l’attenzione alla Città di Catania. Ricordo – ha detto – la sua visita come Presidente della Camera il 19 luglio del 1993 e ricordo la visita come Ministro dell’Interno il 9 marzo del 1997. Oggi lo Stato – ha continuato Bianco – ha schierato a Catania una squadra compatta e determinata. La Magistratura e le Forze di Polizia negli ultimi due mesi hanno registrato risultati eccezionali nella lotta alla criminalità organizzata. E voglio sottolineare – conclude il sindaco – come si è nel contempo registrata una piena disponibilità a collaborare con la Polizia Municipale nella difficile azione di contrasto alle illegalità diffuse che tormentano la vita dei cittadini, ma fanno anche un serio danno alla concorrenza di chi opera nel rispetto delle leggi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook