Archiviato in | Politica, Politica Regionale

GIORGIO NAPOLITANO IN VISITA A CATANIA

GIORGIO NAPOLITANO IN VISITA A CATANIA

Il presidente sarà accolto dal sindaco di Catania, Enzo Bianco e raggiungerà il Salone Bellini, dove si svolgerà un incontro sul Distretto della Sicilia del Sud Est. Ad intervenire, oltre al primo cittadino, che presenterà il Distretto, saranno il Vice Presidente Nazonale di Confindustria, Ivan Lo Bello, il Manager Internazionale Pasquale Pistorio e il Presidente dell’Anas Pietro Cucci. Subito dopo, alla presenza del Capo dello Stato, i rappresentanti dei nove Enti fondatori, firmeranno la convenzione per la nascita del Distretto del Sud Est.

Print Friendly, PDF & Email

C’è grande attesa per l’arrivo del Presidente della Repubblica a Catania, il 26 febbraio il sindaco Enzo Bianco accoglierà Giorgio Napolitano. La mattinata inizierà alle ore 10 dove Napolitano sarà accolto nel Municipio catanese. Il presidente sarà accolto dal sindaco di Catania, Enzo Bianco e raggiungerà il Salone Bellini, dove si svolgerà un incontro sul Distretto della Sicilia del Sud Est. Ad intervenire, oltre al primo cittadino, che presenterà il Distretto, saranno il Vice Presidente Nazonale di Confindustria, Ivan Lo Bello, il Manager Internazionale Pasquale Pistorio e il Presidente dell’Anas Pietro Cucci. Subito dopo, alla presenza del Capo dello Stato, i rappresentanti dei nove Enti fondatori, firmeranno la convenzione per la nascita del Distretto del Sud Est. Se da un lato molti catanesi aspettano l’arrivo del Capo dello Stato, dall’altro c’è una grossa percentuale di persone che non vogliono la sua presenza a Catania. Diverse le manifestazioni di protesta annunciate.

Comitati, movimenti, associazioni e partiti che fanno riferimento politico alla sinistra radicale, si sono unite dentro la sigla “Cittadini e Cittadine Catanesi contro i Circi Istituzionali e l’Austerity” per promuovere un corteo di protesta che sfilerà da Piazza Roma fino al Municipio catanese, dove nelle stesse ore Giorgio Napolitano sarà ricevuto dal sindaco Enzo Bianco. “Noi riteniamo che il presidente Napolitano sia stato, in questi ultimi anni, il maggiore garante istituzionale delle politiche di austerity e di massacro sociale compiute in nome dell’unione europea – scrivono in una nota i militanti della lista Catania bene comune – Proprio come adesso, tradendo i suoi doveri di garante formale della Costituzione, avalla il tentativo di varare la legge elettorale “truffa”, sancita dall’accordo Renzi-Berlusconi e che costituisce una svolta autoritaria del nostro sistema politico. Per questo, il 26 Febbraio, saremo in piazza a contestare la visita di Giorgio Napolitano e del suo circo luccicante ai palazzi “bene” della nostra città ed ai salotti dei nostri governanti, e lo faremo in nome della Catania “reale”, quella dei nostri quartieri, quella in cui viviamo come studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici, precarie e precari”.

A protestare anche i lavoratori della Micron, che in questi giorni hanno scritto al Capo dello Stato per chiedere la sua intercessione con il polo della St. I dipendenti faranno di tutto per entrare all’interno dello stabilimento della St Microectronics durante la visita del Presidente prevista per giovedì pomeriggio. Probabili proteste anche da parte degli attivisti del Movimento 5 stelle di Catania. L’idea dei cittadini pentastellati sarebbe quella di esporre una gigantografia di Falcone e Borsellino con alcune frasi a sostegno dell’azione antimafia del giudice Di Matteo.

 

In merito al nuovo Governo guidato da Matteo Renzi, il Presidente Napolitano al termine del recente incontro con il Presidente del Consiglio ha dichiarato:

“Vi ringrazio per la pazienza e il lavoro, ormai avete imparato che bisogna essere pazienti in queste circostanze.
Il governo che vi è stato presentato poc’anzi presenta così ampi caratteri di novità da spiegare ad abundantiam il tempo che è stato richiesto per definirne la composizione. Come ben sapete la responsabilità delle proposte è prerogativa costituzionale del Presidente del Consiglio e tale prerogativa è stata ovviamente rispettata in modo pieno, in un clima di serena collaborazione istituzionale. Direi che l’impronta del Presidente Matteo Renzi, che è chiamato a guidare il governo, risulta evidente nei molti nomi nuovi chiamati ad assumere per la prima volta il ruolo di Ministri della Repubblica. E il clima di collaborazione istituzionale di cui ho parlato si è rispecchiato, come sempre nella prassi repubblicana, in ripetuti scambi di opinioni e di consigli tra il Presidente incaricato e il Presidente della Repubblica. Le due ore e mezzo di oggi sono state anche, però, due ore e mezzo non di incontro tra me e il Presidente incaricato ma di lavoro parallelo : io ho fatto un po’ del mio lavoro di routine e il Presidente del Consiglio ha completato consultazioni per poter definire la composizione del Consiglio dei Ministri.

Vorrei assicurare – mi dispiace deluderli – i cultori di ricostruzioni giornalistiche a tinte forti che il mio braccio non è stato sottoposto, né l’altro ieri né oggi, ad alcuna prova di ferro ; mi trovate, spero, in buone condizioni. Condivido profondamente l’accento che è stato posto dal Presidente Renzi sulla esigenza – e lo ha posto in modo drammatico – di adottare in tempi brevi le riforme strutturali per le istituzioni e per l’economia e il lavoro che non possono ulteriormente attendere. E perché in questo senso si procedesse superando molti, lunghi anni di esitazioni e di contraddizioni. Io mi sono, come sapete, speso in tutto l’arco della mia presidenza : confido che veramente non si perda quest’occasione, perché non possiamo concederci il lusso di perderla. In questo spirito rivolgo il mio più caloroso augurio al Presidente del Consiglio e al nuovo governo, domani procederemo al giuramento. E colgo l’occasione per associarmi alle parole di Matteo Renzi per Enrico Letta al quale desidero personalmente rinnovare il mio sentimento di stima, di fiducia e di gratitudine, sicuro che nel Parlamento e in ogni altra istanza appropriata continuerà a dare un contributo importante nell’interesse del Paese e dell’Europa”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook