Archiviato in | Spettacolo, Teatro

TEATRO STABILE CATANIA: DOPPIA SCENA AL MUSCO, CYRANO DE BERGERAC

TEATRO STABILE CATANIA: DOPPIA SCENA AL MUSCO, CYRANO DE BERGERAC

A passare sotto la lente d'ingrandimento della realizzazione scenica sarà un classico come “Cyrano de Bergerac", nuova produzione dello Stabile, in programmazione al Musco dal 25 febbraio al 9 marzo.

Print Friendly, PDF & Email

Teatro Stabile Catania. Un’atmosfera avvolgente, confortevole, perfetta per stimolare una conversazione piacevole, libera. È questo il valore aggiunto che la rinnovata Sala Musco conferisce all’odierna edizione di “Doppia scena”, il ciclo di incontri che il Teatro Stabile di Catania promuove da anni per consentire al pubblico di conoscere da vicino i protagonisti della stagione, approfondire i titoli in cartellone e la loro mise en scene. Il prossimo appuntamento, fissato per mercoledì 26 febbraio alle ore 17.30, avrà luogo nel nuovissimo “ridotto”, luogo ideale di dialogo e confronto, frutto del recente restyling. A passare sotto la lente d’ingrandimento della realizzazione scenica sarà un classico come “Cyrano de Bergerac”, nuova produzione dello Stabile, in programmazione al Musco dal 25 febbraio al 9 marzo. Nel riproporre l’avventurosa vicenda dell’immortale spadaccino-poeta, l’allestimento si segnala per l’innovativa lettura registica proposta da Giuseppe Dipasquale: audaci imprese, valorosi assalti di spada e di penna, ma niente guasconate per il suo “Cyrano”. Così Dipasquale volta pagina rispetto alle innumerevoli rappresentazioni del capolavoro di Rostand, e focalizza piuttosto l’attenzione «sull’impossibile inseguimento di un amore che mai potrà essere realizzato, sull’impossibilità stessa dell’amore», come sottolinea nelle  note di sala. Direttore del TSC e – in questo ruolo – promotore dell’intensa attività culturale dell’ente, Giuseppe Dipasquale interverrà stavolta a “Doppia scena” in veste di metteur en scene, insieme agli interpreti principali dello spettacolo, due beniamini del pubblico come Angelo Tosto (chiamato a ricoprire il ruolo del titolo) e David Coco (che riveste quello di Cristiano). Un terzetto d’eccezione al quale farà da corona la folta compagnia. Scene e costumi sono firmati da Angela Gallaro, le musiche da Germano Mazzocchetti, i movimenti scenici da Donatella Capraro, le luci da Franco Buzzanca. Il cast degli attori annovera ancora Leonardo Marino, Giampaolo Romania, Cosimo Coltraro, Sergio Seminara, Plinio Milazzo, Lucia Fossi, Luca Iacono, Marina La Placa, Liliana Lo Furno, Lucia Portale, Francesco Russo. Gli eventi di “Doppia scena”, alla cui cura ha collaborato Ornella Sgroi, sono ad ingresso libero.

Osserva ancora Dipasquale: «Il fiato dell’amore nella vicenda ha tre polmoni: Cyrano, Cristiano, Rossana. Tre facce di una stessa impossibilità dell’amore, o meglio sarà dire, dell’incapacità dell’amare, che nel mirabile girotondo delle identità porterà l’azione ad una eterea sospensione senza alcuna possibile soluzione. L’incanto viene spezzato solo dalla morte. Tanto l’amore si fa prezioso e irraggiungibile, quanto la morte sparviera e sempre puntuale». Pubblicata nel 1897, la commedia punta dunque sullo spirito indomito del protagonista, motore di un intreccio amoroso che si regge su un equilibrio illusorio. La trama è nota. Niente intimorisce Cyrano, che soffre semmai per l’aspetto non avvenente. Nessun ostacolo si frappone al suo alto sentire, nulla sembra scalfire la sua primazia nei quotidiani duelli a colpi di sciabola o di rime perfette. L’eroe trema solo davanti al fascino e allo spirito della cugina Rossana, alla quale non osa dichiararsi. Lei pende dalle sue labbra, ma s’innamora corrisposta a prima vista del bellissimo Cristiano, che idealizza senza ancora conoscerlo. Il giovane cadetto è leale e nobile d’animo, ma non possiede certo le doti che Rossana gli attribuisce, attingendo inconsciamente al superiore modello del cugino. Allora il generoso Cyrano detterà nascostamente all’inconsapevole rivale le parole e i versi per conquistare l’amata: una “pazza idea”, una folle giostra di cuori che non ha vie di uscita, mentre è in agguato un tragico epilogo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook