Archiviato in | Cronaca Sindacale, Lavoro

CATANIA: CALL CENTER, CONTROLLI DELLA GDF. TROVATI 330 LAVORATORI IRREGOLARI

CATANIA: CALL CENTER, CONTROLLI DELLA GDF. TROVATI 330 LAVORATORI IRREGOLARI

I militari della guardia di finanza hanno scoperto una società con sette dipendenti senza contratto e 330 irregolari. Gli accertamenti sono stati determinati sulle collaborazioni a progetto. Infatti, l'attenzione è stata riposta sulla verifica della previsione, nell'ambito dei contratti, di un corrispettivo fisso mensile in favore dei lavoratori adeguato ai minimi sindacali di settore.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. I militari della guardia di finanza nel corso di una ispezione hanno scoperto sette lavoratori in nero e 330 irregolari che lavoravano in un call center nella provincia etnea che opera nel settore delle telecomunicazioni, nei cui confronti sono state proposte le sanzioni amministrative previste dalla normativa di settore. La posizione contributiva dei 330 dovrà essere regolarizzata. Il controllo è stato focalizzato sui cosiddetti “contratti di collaborazione a progetto”. I contratti esaminati, in base alle disposizioni in vigore sino al giugno del 2013, avrebbero dovuto mettere i lavoratori nelle condizioni di svolgere la loro attività in favore del call center in modo autonomo e senza i vincoli tipici del lavoro subordinato. Ma dai rilevi effettuati e gli elementi forniti dai moltissimi lavoratori sentiti nel corso delle attività ispettive hanno fatto emergere irregolarità come orari di lavoro predeterminati, retribuzioni legate alla produttività, nessuna libertà nella scelta e nella gestione dei contatti da assumere e, addirittura, nella quasi totalità dei casi, mancata conoscenza da parte dei lavoratori del progetto specifico per cui si era stati assunti e della sua finalità, in aperto contrasto con quanto richiedeva la legge fino al 28 giugno del 2013. Per i contratti di lavoro stipulati dopo questa data, i finanzieri hanno verificato se era stato contemplato un corrispettivo fisso mensile in favore dei lavoratori adeguato ai minimi sindacali di settore. Anche in questo caso sono state riscontrate irregolarità perché nessuna traccia della “retribuzione minima garantita” è stata rilevata nei contratti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook