Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: PROVINCE, MAGGIORANZA ANCORA BATTUTA

ARS: PROVINCE, MAGGIORANZA ANCORA BATTUTA

L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato con voto segreto un emendamento che alza la soglia per l'istituzione di nuovi Liberi consorzi: da 150 mila a 180 mila abitanti. L’amministrazione Crocetta si era pronunciata sfavorevolmente

Print Friendly, PDF & Email

ARS: Ancora battuti in aula governo Crocetta e maggioranza, in merito alla riforma delle Province. I deputati hanno votato in segreto e con il parere contrario del governo e della commissione Affari istituzionali è passato un emendamento, originariamente firmato da quatto deputati del Pd (Mario Alloro, Franco Rinaldi e Fabrizio Ferrandelli), poi presentato da Santi Formica (Lm-Fi), che ha alzato il numero di abitanti per l’istituzione di nuovi Liberi consorzi: da 150 a 180 mila unità. L’emendamento votato potrebbe complicare l’eventuale creazione del Libero consorzio di Gela. In riferimento alla questione “Aree Metropolitane”, il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, è intervenuto in aula e ha sottolineato che: “leggendo i giornali, all’indomani del voto di lunedì, si aveva l’impressione che l’aula avesse bocciato le città metropolitane: in realtà non è così – ha precisato Ardizzone – l’emendamento approvato dall’aula riguardava solo un aspetto relativo alla perimetrazione delle città. Su questo argomento l’aula sarà chiamata ad esprimersi quando discuterà l’articolo 7, in quell’occasione ogni deputato potrà esprimere il suo parere liberamente sì o no”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook