CATANIA: LOMBARDO, ULTIMA UDIENZA, ATTESA LA SENTENZA

CATANIA: LOMBARDO, ULTIMA UDIENZA, ATTESA LA SENTENZA

Ultima udienza per l’ex presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo che riguarda il processo per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio. La Procura di Catania ha chiesto la condanna a 10 anni. La sentenza dovrebbe essere emessa nel pomeriggio

Print Friendly, PDF & Email

Catania.  Nel Palazzo di giustizia di Catania si tiene l’ultima udienza del processo per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio a Raffaele Lombardo ex presidente della Regione Siciliana. I suoi legali hanno deciso di non aderire allo sciopero ed è iniziata la replica finale della difesa. L’udienza si celebra con il rito abbreviato condizionato e si svolge a porte chiuse, alla presenza Gup Marina Rizza, che dopo l’intervento del legale, il prof. Guido Ziccone, si ritirerà in camera di consiglio. La sentenza dovrebbe essere comunicata nel pomeriggio. L’inchiesta sui fratelli Lombardo è nata da uno stralcio dell’indagine Iblis dei carabinieri del Ros di Catania su presunti rapporti tra Cosa nostra, politica e imprenditori. Per l’ex governatore Raffaele Lombardo, che si è sempre proclamato innocente, la Procura di Catania, in sede di requisitoria, ha chiesto la condanna a 10 anni reclusione. Il giudice per le indagini preliminari dovrà decidere anche sulla posizione del fratello dell’ex presidente della regione. L’ex deputato nazionale del Mpa Angelo Lombardo è imputato per gli stessi reati del fratello, e ha seguito la via ordinaria. Per lui è pendente una richiesta di rinvio a giudizio. Le due decisioni, sentenza e ordinanza, dovranno essere emesse in contemporanea dal Gup Marina Rizza, che altrimenti diventerebbe incompatibile per avere espresso già una valutazione di merito.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook