Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CORSI TRIBUNALE, INCHIESTA GUARDIA DI FINANZA SULL’IRAPS

CATANIA: CORSI TRIBUNALE, INCHIESTA GUARDIA DI FINANZA SULL’IRAPS

Gara per la formazione professionale della Corte d'Appello. Il Gip del tribunale di Catania ha disposto il sequestro per equivalente del patrimonio riconducibile a soggetti legati alla Iraps, che si è aggiudicata un appalto milionaro per la formazione professionale della Corte d'Appello.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. I militari del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Catania, guidata dal colonnello Giancarlo Franzese hanno eseguito ieri un decreto di sequestro preventivo. Il provvedimento è stato emesso dal Gip su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha aperto un fascicolo soltanto sull’appalto che riguarda il Palazzo di giustizia di Catania. La gara è stata aggiudicata alla Iraps Onlus, con il parere favorevole del Rup. Il prezzo, si legge nel documento, è di 1.230.660 euro, quattrocentomila euro in più rispetto all’offerta della Lattanzio esclusa dalla gara. La Procura del capoluogo etneo ha aperto un fascicolo, per la parte che riguarda l’ente professionale Iraps in qualità di aggiudicatario dell’appalto per il servizio di “rafforzamento delle capacità d’azione delle Autorità per l’amministrazione della Giustizia della Regione Siciliana – Procura di Palermo, Tribunale e Corte d’Appello di Catania”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook