Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA: BLITZ DELLA DIA, SGOMINATO CLAN DEI CARATEDDI

MAFIA: BLITZ DELLA DIA, SGOMINATO CLAN DEI CARATEDDI

“E' scattata nella notte l'operazione della Dia "Prato Verde" condotta dalla Dia di Catania in collaborazione con la Bka tedesca. Arrestati 25 affiliati del Clan Cappello Carateddi. L'inchiesta è coordinata dalla Procura guidata da Giovanni Salvi. Dopo l'arresto del boss, Orazio Privitera, sarebbe stata la coniuge Agata Balsamo a ereditare il comando della cosca”

Print Friendly, PDF & Email

Mafia. Blitz delle forze dell’ordine che hanno arrestato sedici persone che sono state già tradotte in carcere. Sono otto agli arresti domiciliari, un provvedimento notificato a un indagato già detenuto e altre 27 persone denunciate in stato di libertà. Questo è il bilancio dell’operazione “Prato verde” condotta dalla Direzione investigativa antimafia di Catania che, in collaborazione con la Bka tedesca, ha annientato una parte del clan dei Cappello eseguendo 25 arresti in Sicilia, Lombardia e la Germania. Due indagati sono al momento irreperibili. Sarebbe stato un affare in famiglia il comando della cosca dei Carateddi, legati al clan Cappello: dopo l’arresto del capo, Orazio Privitera, detenuto in regime di 41 bis, a ereditare la reggenza dell’organizzazione sarebbe stata la moglie del capomafia, Agata Balsamo. Secondo l’accusa, la donna avrebbe impartito ordini e mantenuto i collegamenti fra il marito ed i singoli associati, imponendo il pagamento di somme a titolo estorsivo e sostenendo le spese legali per gli associati attraverso una cassa comune. Quest’ultima sarebbe stata alimentata con i proventi delle estorsioni, dell’imposizione delle guardianie nei terreni e dello sfruttamento di terreni agricoli da cui sarebbero stati tratti enormi vantaggi economici grazie al fraudolento accaparramento di erogazioni pubbliche a fondo perduto da parte dell’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea) per oltre un milione e mezzo di euro.

Questi gli arrestati con misura cautelare in carcere: Giuseppe Privitera, 43 anni; Agata “Tina” Balsamo, 47 anni; Giovanni Privitera, 34 anni; Giacomo Cosenza, detto “Alfonso”, 51 anni; Carmelo Abate, 30 anni; Domenico Botta, “Tirrimotu”, 35 anni; Giuseppe Buda, 37 anni (già detenuto in carcere); Orazio Buda, 41 anni; Antonio Caruso, “Antonello”, 43 anni;?Alfio Cosenza, detto Turi, 70 anni; Giuseppe Cosenza, detto Pinocchio, 35 anni; Franco Marino, 41 anni; Salvatore Marino, 45 anni; Francesco Martino Platania, 40 anni; Francesco Pasqua, 55 anni; Salvatore Russo, “Turi baffo”, 54 anni; Alfio Vecchio, 42 anni. Agli arresti domiciliari si trovano: Maria Dinca, 40 anni; Natala Sulfaro, 66 anni; Salvatore Cicero , 38 anni; Emiliano Antonio Di Mauro, 37 anni; Francesco Tosto, 36 anni; Angelo Vasta, 33 anni; Anthony Di Pietro, 33 anni; Michele Viscuso, 43 anni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook