Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: HA VIOLENTATO E PICCHIATO LA SUA EX, POI HA SIMULATO UN INCIDENTE

CATANIA: HA VIOLENTATO E PICCHIATO LA SUA EX, POI HA SIMULATO UN INCIDENTE

“Dopo averla picchiata e violentata, il suo ex convivente di 28 anni, ha cercato di simulare un incidente stradale. La donna è stata ricoverata al Garibaldi con il volto tumefatto poi una radiografia ha confermato una costola rotta. L’aggressore è stato arrestato”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. L’aggressore ha 28 anni, la sua ex è una sua coetanea. Lui  é stato arrestato dalla polizia di Catania con l’accusa di aver ripetutamente malmenato la ex convivente e di averle usato violenza sessuale. Gli agenti sono intervenuti dopo la denuncia della donna, che dall’ospedale ha chiamato al 113. La vittima ha riferito agli agenti di essere stata portata dall’uomo in una strada isolata, malmenata e violentata. Giunti nell’ospedale Garibaldi i poliziotti hanno trovato la donna con il volto tumefatto e una costola rotta. La vittima dell’aggressione ha raccontato agli investigatori che la notte prima, intorno alle tre del mattino, si era incontrata con l’ex convivente, dalla quale aveva avuto un bambino, per discutere di questioni inerenti alla famiglia. il giorno prima, l’uomo le aveva proposto di incontrarsi in un bar nel quale sarebbe stato presente anche un comune amico. Una volta incontrati il comune amico, in un primo momento presente all’incontro, si sarebbe poi andato via lasciando sola la coppia. A quel punto l’uomo, con la scusa di riaccompagnare a casa la donna, l’avrebbe invece portata in una strada isolata dove l’avrebbe prima ripetutamente picchiata e poi strappato i vestiti. L’uomo avrebbe inseguito la donna mentre tentava di fuggire dopo averla trascinata per i capelli all’interno dell’auto, avrebbe continuato a malmenarla, consumando con violenza anche un rapporto sessuale.

Al termine dell’aggressione, le ha intimato di non raccontare l’accaduto e si era avviato verso casa della donna con la stessa a bordo dell’auto priva di sensi. Durante il percorso, per dimostrare che i traumi della donna fossero dovuti ad un incidente stradale, avrebbe urtato  l’auto contro un muro. La ragazza dopo essersi ripresa si è ritrovata in auto in una strada nel quartiere San Giorgio, notando che l’uomo si stava allontanando con il proprio telefono cellulare. La vittima è riuscita ad arrivare in auto in ospedale e avvertire gli agenti di polizia che dopo aver ascoltato il racconto immediatamente si sono recati nell’abitazione dell’uomo dove hanno trovato gli indumenti dell’uomo ancora sporchi di sangue e il telefono cellulare che le aveva sottratto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook