Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: RISTORANTI, ANCORA CONTROLLI

CATANIA: RISTORANTI, ANCORA CONTROLLI

“Nel locale Wok & Sushi di via D’Amico gli agenti hanno riscontrato una infestazione di ratti. Ai proprietari è stata sospesa l'attività. Poi le forze dell’ordine si sono spostati nelle trattorie di via Plebiscito Re Carlo V e Da Achille e Davide. Effettuati inoltre accertamenti alle paninerie mobili di piazza Giovanni XXIII”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Continuano i controlli serrati nei locali ed esercizi pubblici voluti dal Questore Salvatore Longo. Giovedì scorso, le forze dell’ordine hanno proceduto a ulteriori controlli di esercizi di ristorazione al fine di accertare il rispetto delle condizioni igienico-sanitarie, la corretta conservazione degli alimenti, nonché l’osservanza delle norme contrattuali in materia di assunzione dei lavoratori (emersione del lavoro nero) e di sicurezza sui luoghi di lavoro. Gli agenti erano coordinati dai dirigenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, diretto dal Vice Questore Aggiunto Daniele De Girolamo. Hanno partecipato inoltre personale della Polizia Scientifica, dell’Asp 3 del distretto di Catania – Unità operativa di Igiene Pubblica, dell’Unità operativa di Sanità Pubblica Veterinaria, dell’Unità operativa di Controllo e Vigilanza degli ambienti di Lavoro, dell’Inail, dei Vigili del Fuoco e della Polizia Municipale. Nel pomeriggio e nella serata di ieri, personale del Commissariato Centrale, nell’ambito dei medesimi servizi, ha effettuato un controllo straordinario del territorio nella zona di competenza unitamente a personale del reparto Prevenzione Crimine di Catania in tutto il centro cittadino. In particolare, unitamente alla Polizia Municipale e al personale della locale Asp, si è proceduto a effettuare controlli amministrativi a 4 camion adibiti alla vendita di panini ubicati in piazza Giovanni XXIII. A seguito di detta attività sono stati elevati tre verbali per occupazione abusiva di suolo pubblico e riscontrate irregolarità igienico-strutturali a carico del titolare di uno dei camion adibiti alla vendita dei panini nei confronti del quale l’Asp procederà alle relative contestazioni.

I locali controllati e ispezionati e trovati non in regola sono:

“Wok & Sushi”, via D’Amico: dove è stato necessario procedere all’immediata sospensione dell’attività e alla richiesta di sequestro amministrativo del locale, ai fini della salvaguardia della salute pubblica, per un’accertata infestazione da ratti. All’interno della cucina, sono stati sequestrati 6 chilogrammi di pollo posizionato in una vasca in plastica immersa nel liquido di decongelamento e 14 chilogrammi di calamari, anch’essi immersi in liquido di decongelamento e maleodoranti. Nella cella per surgelati, sita su un soppalco, sono stati trovati tranci di smeriglio per un totale di 1,3 chilogrammi dei quali non è stata provata la tracciabilità e non conservati rispettando le normative previste. È stata riscontrata, inoltre, la non sicurezza del citato soppalco in quanto l’unica modalità di accesso per il personale avveniva tramite un montacarichi artigianale non sicuro e non previsto nella planimetria; nella zona erano assenti anche vie di esodo in caso di pericolo. A tal proposito, le vie di esodo site all’interno del locale non corrispondevano a quanto previsto dalla normativa di legge in materia e una parte della cucina, sita nella zona della somministrazione del cibo, non risultava conforme alla regolamentazione sugli impianti a gas. Da accertamento presso le banche dati, un solo dipendente era risultato non regolarizzato ma sul posto è stato appurato che vi lavorava anche un cittadino cinese clandestino per il quale il Questore ha disposto l’immediata espulsione dal territorio nazionale, mentre la titolare del Wok & Sushi è stata deferita all’Autorità Giudiziaria per il reato di favoreggiamento dell’ immigrazione clandestina.

“Trattoria da Achille e Davide”, via Plebiscito: è stata accertata l’occupazione abusiva di suolo pubblico e la totale assenza di estintori previsti per legge. L’Asp ha vietato l’uso di un cortile interno, sito accanto alla cucina e non risultante nella planimetria del ristorante, ove erano appoggiate frutta e verdure fresche. Inoltre, da accertamento presso le banche dati, tre lavoratori non possedevano una regolare posizione contrattuale.

“Trattoria Re Carlo V”, via Plebiscito: è stata anche qui rilevata l’occupazione abusiva di suolo pubblico e l’unico estintore presente all’interno del locale aveva superato la data di scadenza. Si è riscontrata la presenza di un frigorifero nell’anti-latrina, ma contenente alimenti in buono stato di conservazione. Sono tutt’ora in corso accertamenti circa la tracciabilità del pesce utilizzato presso il locale. Inoltre, due dipendenti sono risultati non sottoposti al corso di formazione professionale previsto per legge e due lavoratori non sono risultati regolarizzati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook