TERMINI IMERESE (PA): PAESE SI FERMA PER SOLIDARIETÀ AGLI OPERAI FIAT

TERMINI IMERESE (PA): PAESE SI FERMA PER SOLIDARIETÀ AGLI OPERAI FIAT

“Tutto il paese si ferma per un giorno alla vigilia della riunione al Mise. Sono scesi in piazza commercianti, parroci, sindaci, studenti e parlamentari. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: “questa città non è sola, accanto a Termini c'è l'intera struttura dell'Anci. Fiat deve assumersi le proprie responsabilità ". Landini leader della Fiom: "Senza investimenti non si crea lavoro, siamo di fronte a una situazione drammatica, siamo a rischio tenuta democratica nel nostro Paese "

Print Friendly, PDF & Email

Termini Imerese. Tutta la cittadina ha espresso solidarietà agli operai Fiat e dell’indotto scesi in piazza alla vigilia della riunione al ministero dello Sviluppo economico.  Tante saracinesche dei negozi sono abbassate, per manifestare solidarietà ai manifestanti scesi in piazza per lo stabilimento siciliano, chiuso nel novembre 2011, per i quali non si intravedono ancora prospettive. Infatti la cassa integrazione scadrà il 30 giugno. Migliaia di persone hanno partecipato alla mobilitazione generale organizzata dai sindacati Fim, Fiom e Uilm. In prima fila, i parroci delle chiese locali, poi i sindaci delle Madonie con i loro gonfaloni, gli artigiani, gli studenti, alcuni parlamentari nazionali e regionali. Due cortei hanno sfilato per le strade della cittadina: quello dei sindacati, partito da piazzale Europa con in testa lo striscione dei metalmeccanici, e quello degli studenti che poi si sono ricongiunti in piazza Duomo. Una volta confluiti in piazza, il comizio che ha visto protagonisti il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il leader della Fiom Maurizio Landini.

Il presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando intervenendo al comizio conclusivo ha affermato che “La vertenza della Fiat di Termini Imerese è una vertenza nazionale, questa città non è sola, accanto a Termini c’è l’intera struttura dell’Anci. Fiat deve assumersi le proprie responsabilità, deve tornare a produrre qui e se non lo fa il governo porti a Termini Imerese una grande multinazionale che produca auto”. Inoltre Orlando ha anche annunciato che domani in concomitanza della riunione al ministero dello Sviluppo economico, una delegazione di sindaci della provincia di Palermo e l’arciprete di Termini Imerese padre Francesco Anfuso incontrerà il prefetto Francesca Cannizzo a Palermo per mandare un messaggio dicendo che la Sicilia e Palermo sostengono questa vertenza”.

Il leader della Fiom, Maurizio Landini nel suo intervento ha commentato:“Non so cosa succederà se cambia il governo. Siamo di fronte a una situazione drammatica, siamo a rischio tenuta democratica nel nostro Paese; in passato i momenti di crisi dell’occupazione in Italia hanno messo a rischio la democrazia, poi sulle politiche industriali in questi 20 anni con il centrosinistra e con il centrodestra non è cambiato nulla. Senza investimenti pubblici e privati non si crea lavoro, come dimostra Termini Imerese”. Landini ha aggiunto: “Abbiamo pagato le divisioni tra i sindacati, dobbiamo smetterla di dividerci. Siamo di fronte al fatto che Fiat sta andando via da Termini Imerese e dal nostro paese. Credo che le divisioni che ci sono state dentro la Fiat tra i sindacati debbano farci fare dei bilanci. Siamo di fronte a chiusure e all’aumento della cassa integrazione. Se c’è una cosa che non è mai calata sono i dividendi della famiglia Agnelli. Fiat sta andando via dal nostro paese portando via anche la testa”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook