Archiviato in | Spettacolo, Teatro

SOTTO IL TOCCO, IN SCENA “FIMMINI DI SICILIA”

SOTTO IL TOCCO, IN SCENA “FIMMINI DI SICILIA”

"Lo studio in due atti di Davide A.S. Gullotta andrà in scena sabato 15 febbraio alle ore 20.30 ,domenica 16 febbraio alle ore 18 e domenica 23 febbraio alle ore 18".

Print Friendly, PDF & Email

Sotto il tocco. C’è grande attesa al Teatro di via Ravanusa,18 a San Giovanni La Punta per “Fimmini di Sicilia”. Lo studio in due atti di Davide A.S. Gullotta andrà in scena sabato 15 febbraio alle ore 20.30 ,domenica 16 febbraio alle ore 18 e domenica 23 febbraio alle ore 18. L’associazione teatrale “Sotto il Tocco” porta in scena le vicende di otto donne siciliane che mostrano attraverso le loro storie, i loro caratteri, tutte le bellezze intrinseche femminili. Storie narrate da occhio maschile alla riscoperta della madre, della sorella, della moglie, dell’amante e della figlia. Nel cast Orsola Gigliotti, Francesco Macaluso, Mary Fichera, Giusy Vinciguerra, Marisa Giannino Davide Gullotta e il cantastorie, Pietro Cami. Otto le donne raccontate.

Maria Patti, madre di Mario Rapisardi, visse intensamente e morbosamente la vita privata del figlio intervenendo, a sproposito, anche nella vicenda della separazione con Giselda Fojanesi.

Lucia Mangano, di cui si vive l’ultimo giorno di vita, rappresenta la santità della donna, fatta di rinunce e di preghiera allo scopo di aiutare gli altri anche con il proprio sacrificio.

Mariannina Coffa Caruso è una poetessa di Noto che si vide imposto un matrimonio di convenienza dovendo soffocare il suo animo poetico e dovendo nascondere la passione per un altro uomo.

Giovanna Bonanno, detta la vecchia dell’aceto, visse nel settecento e per il desiderio di migliorare la propria esistenza, da sempre caratterizzata dalla povertà e dall’accattonaggio, pensò, con la vendita di una pozione, di offrire un servizio socialmente utile per ridare la serenità a quanti volessero disfarsi del proprio coniuge.

Giovanna Polizzi è la moglie di un emigrante che agli inizi del novecento si recò in America. Lei vive con sette figli mantenendoli e curandoli nell’attesa della lettera e del denaro che il marito le invia.

Franca Viola. Il coraggio di rinunciare al matrimonio riparatore, favorendo la condanna del suo rapitore, ha modificato addirittura una legge vetusta della nostra Repubblica.

Rosina Anselmi, attraverso i suoi ricordi, ci accompagna in epoche lontane dove il mestiere di attore era provato da delusioni e povertà. L’incontro, casuale, con un’attrice emergente nella Catania degli anni cinquanta, dà occasione ad un confronto tra due generazioni di attori.

Nedda Grasso, fu una maitresse di uno dei bordelli della Catania fascista. Ricordare quella vita è un po’ comprendere le motivazioni che spinsero le donne a scegliere quel “mestiere” allora legalizzato. Regia di Davide Gullotta. Tecnico audio e luci, Luca Andrea Coco.

Per info e prenotazioni, telefonare al numero 095-7413845

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook