Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: OMICIDIO AL CIMITERO, TRE INDAGATI

CATANIA: OMICIDIO AL CIMITERO, TRE INDAGATI

“Continuano le indagini sulla morte di Maria Concetta Velardi, ritrovata morta con la testa fracassata da colpi di pietra. Finiti sotto inchiesta due uomini che conoscevano la donna e che nel giorno del delitto sarebbero stati in zona e il figlio della vittima Fabio Matà. La Procura precisa: "Solo un atto dovuto". L'avvocato Lipera difensore di Matà ha affermato: “ il mio assistito è indagato a tutela degli iscritti nel registro notizie di reato, per compiere accertamenti irripetibili, e anche difensivi, come prevede la legge. Ci sono tracce di chi ha ucciso, possibile il coinvolgimento di una figura femminile".

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Con l’iscrizione nel registro degli indagati di tre persone, tra cui il figlio di Maria Concetta Velardi la vedova di 59 anni assassinata con colpi di pietra il 7 gennaio scorso nel cimitero di Catania, contro Fabio Matà ci sarebbe solo una procedura stabilita dalla legge per compiere accertamenti irripetibili. L’avvocato Lipera convoca una conferenza stampa. Tra gli indagati il figlio della vittima, il sottufficiale della marina militare Fabio Matà, e altre due uomini, un giovane e un anziano, che conoscevano la donna e che nel giorno del delitto sarebbero stati in zona. Il provvedimento, secondo quanto si apprende, è stato notificato due settimane fa, per permettere alla polizia scientifica di Palermo di eseguire accertamenti e rilievi che potrebbero essere utili alle indagini, ma al momento non sarebbero emersi dati significativi.

Il provvedimento, secondo quanto asseriscono gli stessi investigatori, è stato notificato qualche settimana fa per permettere alla polizia scientifica di Palermo di eseguire diversi test, tra cui le analisi del dna su quel ciuffo di capelli trovato nelle mani della vittima. Il figlio di Maria Concetta Velardi è stato più volte sentito dal sostituto Giuseppe Sturiale che coordina le indagini, titolare dell’inchiesta assieme al procuratore Giovanni Salvi. Sull’omicidio indaga la squadra mobile della Questura di Catania. A trovare il cadavere era stato proprio il figlio della vittima, che l’aveva accompagnata come ogni giorno a fare visita al marito Angelo e all’altro figlio di Maria Concetta Velardi, Lorenzo, entrambi morti per malattie incurabili. Il corpo era riverso poco distante dalla cappella di famiglia. Il sottufficiale si era allontanato per andare al bar e al ritorno, portando il caffè alla madre, l’ha trovata per terra, assassinata con la testa spaccata. Sulla morte della donna il legale di Matà, l’avvocato Giuseppe Lipera, ha avviato indagini parallele, con la collaborazione di criminologi, di un investigatore privato e dell’ex generale dei carabinieri del Ris Luciano Garofano.”Il mio assistito è indagato, ma per mero atto dovuto, nel rispetto delle regole, assieme a altri due uomini, ma non escludo, invece, che possa emergere il coinvolgimento di una donna nel delitto – ha spiegato l’avvocato Giuseppe Lipera, che rappresenta Fabio Matà – Il mio assistito è indagato a tutela degli iscritti nel registro notizie di reato, per compiere accertamenti irripetibili, e anche difensivi, come prevede la legge”.

Inoltre, l’avvocato penalista precisa: “E’ la conferma che è un mero atto dovuto nei confronti del mio assistito, l’abbiamo avuta anche in sede di interrogatorio dal magistrato che ha sentito il mio assistito. Io non ho assolutamente dubbi sull’estraneità del mio cliente che continuo ad assistere con convinzione anche perché nell’inchiesta è anche parte offesa. Non escludo invece – osserva l’avvocato Lipera – che possa emerge il coinvolgimento di una donna, tra le potenziali sospettate dell’assassinio della povera Maria Concetta Velardi, convincimento maturato sull’analisi di elementi emersi finora”. Aggiunge Lipera: “Ci costringono a scendere sul piano mediatico? Accettiamo la sfida non avendo nulla né da temere né da nascondere, tant’è che sosteniamo la parte offesa Fabio Matà con assoluta convinzione di difendere una vittima e non assistere un indagato. Poi annuncia che domani alle 10.30 terremo una nostra conferenza stampa. Le tracce di chi, e non a caso usiamo questo lessico: ‘chi’, ha ucciso Maria Concetta Velardi esistono”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook