Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Lavoro

CATANIA: CESAME, A RISCHIO 90 POSTI DI LAVORO

CATANIA: CESAME, A RISCHIO 90 POSTI DI LAVORO

“I vertici della cooperativa inviano una lettera aperta alle istituzioni: "L'avventura della nuova Cesame iniziata coraggiosamente quattro anni fa rischia di essere vanificata per la grave indifferenza delle istituzioni”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Inizia con un grido di denuncia la lettera aperta dei vertici della cooperativa, il presidente Sergio Magnanti e il Cda della Cooperativa Cesame S.p.A di Catania, Salvatore Falsaperla e Vito D’Antoni: “L’avventura della nuova Cesame iniziata coraggiosamente quattro anni fa rischia di essere vanificata per la grave indifferenza delle istituzioni perché ritardi e ostacoli burocratici rischiano di vanificare tutti gli sforzi, compresi quelli economici”. Sempre nella missiva lanciano un appello alle istituzioni chiedendo “impegni precisi affinché vengano rimosse le lungaggini politico-burocratiche-amministrative che ostacolano il progetto. In ballo ci sono 90 posti di lavoro che rischiano di essere bruciati a causa di un incomprensibile ‘spirito masochistico’ insieme all’esperienza, alla storia aziendale e alle grosse potenzialità che il gruppo di lavoratori porta in dote”. Poi i vertici della soc. coop. Magnanti, Falsaperla e D’Antoni si rivolgono al Presidente della Regione Rosario Crocetta, all’assessore Linda Vancheri e al sindaco di Catania Enzo Bianco. Al presidente della Regione Siciliana chiedono di “farsi carico personalmente e mettere in campo tutta la sua autorevolezza”, a Vancheri viene chiesto di “fare tutto il possibile per sbloccare l’iter dei Contratti di Programma impantanatosi presso il Dipartimento del suo assessorato”. A Bianco infine si chiede “che continui a vigilare e ad affiancare i soci della Cooperativa nella loro azione per mantenere i posti di lavoro e non vanificare tutto lo sforzo fatto fin ora”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook