Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: SEQUESTRATA DISCARICA CON RIFIUTI PERICOLOSI

PALERMO: SEQUESTRATA DISCARICA CON RIFIUTI PERICOLOSI

“Erano depositati a pochi metri dalle abitazioni i rifiuti speciali. Amianto e mercurio sono stati interrati sopra una falda acquifera che rifornisce i pozzi dei terreni agricoli nel quartiere Falsomiele a Palermo. I carabinieri hanno eseguito 4 arresti. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati beni aziendali per circa un milione di euro”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Sequestrata discarica altamente inquinante che si trova nel quartiere Falsomiele nel capoluogo siciliano. Avevano realizzato una zona adibita a raccolta di rifiuti non autorizzata in area urbana a poche centinaia di metri dalle abitazioni. La zona era priva di qualsiasi protezione per il terreno. Agli arrestati sono contestati anche la gestione abusiva, il deposito e l’abbandono incontrollato di rifiuti, pericolosi e non, tra cui amianto, mercurio e anche una carcassa di cavallo, interrati sopra una falda acquifera che rifornisce i pozzi dei vicini terreni agricoli. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati beni aziendali per circa un milione di euro. Così i carabinieri hanno eseguito a Palermo quattro misure cautelari emesse dal gip su richiesta dalla direzione distrettuale antimafia. I provvedimenti sono stati eseguiti nei confronti di Salvatore Ribaudo, 53 anni, e il figlio Claudio, 25 anni, sottoposti a custodia cautelare in carcere; Francesco Ginex, 46 anni, agli arresti domiciliari invece, Veronica Ribaudo, 29 anni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook