DIPENDENTI REGIONALI IN PIAZZA CONTRO CROCETTA

DIPENDENTI REGIONALI IN PIAZZA CONTRO CROCETTA

“Sono in corso a Palermo due manifestazioni, la prima davanti alla presidenza della Regione e l’altra all'assessorato all'Economia. I sindacati chiedono che la manovra bis deve essere discussa con loro. Il presidente si dice pronto al confronto. I regionali chiedono il rinnovo contrattuale almeno nella parte giuridica, la riorganizzazione degli uffici e lo 'scongelamento' delle quote di salario accessorio”.

Print Friendly, PDF & Email

Dipendenti regionali in piazza a Palermo per protestare contro il governo Crocetta. I lavoratori chiedono il rinnovo contrattuale almeno nella parte giuridica, la riorganizzazione degli uffici e lo ‘scongelamento’ delle quote di salario accessorio (Famp). Il fronte sindacale si è diviso, anche se vi è condivisione per molti temi da rivendicare nei confronti dell’amministrazione Crocetta. Infatti sono due le manifestazioni in corso, una davanti alla Presidenza della Regione e sono circa duemila gli autonomi dei Cobas/Codir e Sadirs riuniti in assemblea. Mentre un centinaio di aderenti a Cgil, Cisl e Uil si sono riuniti davanti alla sede dell’assessorato all’Economia. Stamane i 18 mila dipendenti regionali hanno ricevuto l’accredito degli stipendi di gennaio, rimasti bloccati per giorni per i ritardi nella pubblicazione nella Gazzetta ufficiale della manovra finanziaria, poi avvenuta venerdì scorso.

Nel corso della manifestazione i dipendenti regionali del Cobas/Codir mostrano la gigantografia di una maxi busta paga, ma solo nel formato perché l’importo è di appena 992,08 euro, lo stipendio di un usciere della Regione. Marcello Minio e Dario Matranga responsabili del Cobas/Codir sottolineano con forza “La verità è che i dipendenti della Regione guadagnano meno di mille euro al mese sono 5 mila”. Gigi Caracausi segretario regionale della Fp Cisl e il responsabile del pubblico impiego della Uil, Gianni Borrelli che si trovano davanti all’assessorato all’Economia a protestare spiegano: “Siamo qui per lanciare un messaggio chiaro. La finanziaria è stata un pasticcio. C’è il rischio che 25 mila dipendenti tra addetti dell’Eas, dei teatri, dell’Arpa, dei consorzi di bonifica e degli altri enti collegati alla Regione rischiano di restare senza stipendio. La manovra bis deve essere discussa e condivisa con i sindacati. È una situazione straordinaria, servono misure straordinarie. Vogliamo assumerci responsabilità dobbiamo sederci attorno a un tavolo e trattare le vicende che riguardano migliaia di famiglie siciliane”.

Intanto, ieri sera, Il presidente Crocetta ha incontrato i segretari di Cobas-Codir e Sadirs esprimendo la sua “convergenza su talune questioni poste, in particolare l’apertura della nuova stagione contrattuale di categoria (giuridica). Sono state anche condivise le richieste inerenti la razionalizzazione e l’organizzazione del lavoro, tra cui il riconoscimento delle professionalità, la rivisitazione delle qualifiche” Sempre nella nota Crocetta annuncia l’apertura di una fase di confronto con le organizzazioni dei lavoratori. Il Presidente ha comunicato inoltre che Anche sul temporaneo accantonamento delle somme relative al Famp (salario accessorio), sono state verificate le condizioni tecnico-contabili, la disponibilità di dette somme in tempi brevi, accogliendo la richiesta di rivisitare l’intero istituto contrattuale del Famp. Il presidente della Regione ha inoltre assicurato di predisporre, a breve, in proposito una apposita direttiva da inviare  all’Aran. Crocetta ha confermato che nei prossimi giorni incontrerà tutte la organizzazioni sindacali per discutere sulla situazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook