Archiviato in | Feste, Speciale Festa Sant'Agata

CATANIA: SANT’AGATA, IL SALUTO DELLA CITTÀ, INIZIA IL GIRO ESTERNO DELLA SANTA

CATANIA: SANT’AGATA, IL SALUTO DELLA CITTÀ, INIZIA IL GIRO ESTERNO DELLA SANTA

“La Messa dell'Aurora si è svolta in un clima di ordine e commozione che come sempre desta grande emozione. Poi, l'uscita del fercolo dalla cattedrale che preannuncia la lunga giornata del giro esterno della città”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania saluta Sant’Agata e porta il busto reliquiario in processione trainato da centinaia di devoti con due cordoni lunghissimi. Per la messa dell’aurora, quest’anno, parte dei devoti hanno potuto seguire l’uscita del fercolo di Sant’Agata grazie al maxi schermo posto sull’altare, e messo a disposizione dall’amministrazione comunale. Nonostante le preoccupazioni della vigilia, date dai lavori in corso dentro la Basilica, tutto si è svolto nel pieno rispetto del luogo. Il clima è stato dunque sereno e come ogni anno carico di commozione. Stamane, dopo la messa dell’Aurora, la vara è nuovamente in giro per la città, per un percorso lunghissimo (esterno) che è iniziato dalla Cattedrale e che punterà allo storico quartiere “Civita” poi a piazza Carlo Alberto (dove si prevede il passaggio nel primo pomeriggio), quindi sfilerà da via Plebiscito a piazza Palestro, dove si prevede l’arrivo in nottata e che resta una delle tappe più suggestive del giro esterno. Dopo aver passato Porta Uzeda che si trova accanto alla cattedrale, i devoti, tirano il fercolo per via Dusmet fermandosi davanti alla Fontanella della Traslazione, all’edicola marinara della Madonna della Lettera e S. Agata, alla chiesetta del Redentore o S. Agata alla Marina, dove le maestranze del Porto le faranno omaggio. Poi la “vara” passerà davanti alla chiesa Signore Ritrovato e poi per viale Libertà, via Umberto, e si fermerà davanti alla parrocchia “Crocifisso dei Miracoli” per il saluto dei commercianti di piazza Vittorio Emanuele.

Altro elemento suggestivo, l‘ingresso del fercolo in via Grotte Bianche che richiama le memorie della necropoli e delle catacombe che CANDELORE_LA_DANZA SIrisalgono al primo sepolcro di Sant’Agata, con la rappresentazione del martirio al Carmine e il canto greco a S. Gaetano alla Grotta di S. Agata. Poi in piazza Stesicoro (Porta Aci) la tappa con il messaggio alla città dell’arcivescovo, per proseguire nel complesso martiriale della Fornace, del Carcere e della Vetere dove saranno cantati i vespri. Il giro riprenderà nel pomeriggio con la processione per via Plebiscito e per il Fortino con il passaggio da Porta Garibaldi e il ricordo dei defunti del cimitero di Acquicella. In piena notte la sosta a S. Cristoforo, dell’Angelo Custode e della Plaia si stringe attorno alla sua santa patrona, che concluderà il giro esterno con la “calata” della Pescheria. Comunque la grande attesa è per il rientro della “vara” il sei mattina. L’augurio di tutti è che possa avvenire in linea con il programma ma questo è imprevedibile.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook