Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

NOTO (SR): AUTO TRAVOLTA DAL TORRENTE, LA CITTÀ PIANGE LE VITTIME

NOTO (SR): AUTO TRAVOLTA DAL TORRENTE, LA CITTÀ PIANGE LE VITTIME

“Antonino Restuccia, al volante della Y10 il giorno della tragedia nel quale sono rimaste incastrate le due donne e una bambina di sette anni, morte annegate nel fiume Asinaro, si difende dichiarando che mezz'ora prima un altro familiare aveva attraversato il fiumiciattolo senza problemi. Intanto i compagni di scuola della piccola vittima ricordano Marisol con la proiezione di sue fotografie”.

Print Friendly, PDF & Email

Noto. Antonino Restuccia, al volante della Y10 il giorno della tragedia nel quale sono rimaste incastrate le due donne e una bambina di sette anni, morte annegate nel fiume Asinaro, si è difeso dall’accusa di omicidio colposo plurimo per cui è stato arrestato ieri dalla polizia su disposizione della Procura di Siracusa. Egli dice che non ha visto alcuna situazione di pericolo nel passare il fiume Asinaro, perchè mezz’ora prima un altro familiare aveva attraversato senza problemi. La sua posizione è resa nota Il legale di fiducia, l’avvocato Paolo Signorello, ha reso nota la dichiarazione-difesa del suo cliente sottolineando che “non avrebbe commesso l’imprudenza perché lui stesso sarebbe stato il primo a rischiare la vita”. il penalista riportando la ricostruzione di Restuccia, ha aggiunto che:  “Subito dopo l’incidente lui si è subito prodigato, è stato lui a rompere il vetro laterale dell’auto per fare uscire gli altri passeggeri, soccorrendo i quattro sopravvissuti, e ha tentato di portare fuori dalla vettura anche la bambina, non c’è riuscito perché l’acqua ha invaso la Y10”. Diversa la tesi dell’accusa, sostenuta dalla polizia e dalla Procura di Siracusa, che parla di negligenza totale in una zona dove non bisognava passare, neppure con un mezzo anfibio. Il conducente del veicolo è cugino della bambina morta e svolge la professione di infermiere a Milano.

All’incidente sono sopravvissute quattro persone, oltre al guidatore, la mamma della piccola Marysol, Ramona Restuccia, di 25 anni, sua sorella Immacolata, 30 anni e Giovanni Boscarino. Intanto la Procura di Siracusa ha disposto un’ispezione sui corpi delle tre vittime. Le salme di Marysol Latino, 7 anni; Alessandra Tumminieri, 33 anni, e Maria Gioelli, di 67, che si trovano nell’obitorio dell’ospedale Umberto I. Il medico legale che ha eseguito l’ispezione cadaverica nell’ospedale Umberto I di Siracusa, Francesco Coco, ritiene che le vittime sono annegate rapidamente. Il medico avrebbe giudicato esaustivo l’esame esterno e non sarà quindi necessario il ricorso all’autopsia. Ora, la valutazione definitiva spetta alla Procura di Siracusa che potrebbe rilasciare nel pomeriggio il nulla osta per la restituzione dei corpi alle famiglie. I compagni di classe hanno lasciato sul banco della III C della scuola elementare Giovanni Aurispa di Noto un messaggio con un saluto e hanno ricordato Marysol con la proiezione di sue foto. Intanto, il sindaco di Noto, Corrado Bonfanti, ha proclamato tre giorni di lutto cittadino, da oggi a mercoledì, cancellando ogni manifestazione patrocinata dall’amministrazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook