Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SCARANTINO ARRESTATO DOPO LA PARTECIPAZIONE ALLA TRASMISSIONE TV SERVIZIO PUBBLICO

SCARANTINO ARRESTATO DOPO LA PARTECIPAZIONE ALLA TRASMISSIONE TV SERVIZIO PUBBLICO

“Subito dopo la trasmissione televisiva servizio pubblico, il pentito Vincenzo Scarantino che depistò le indagini sulla strage di via D'Amelio, è stato prelevato da due volanti con agenti della squadra mobile di Torino. L'accusa contestata è abusi sessuali su un'ospite di una comunità protetta nel torinese”

Print Friendly, PDF & Email

Scarantino arrestato. La redazione di Servizio Pubblico, il programma televisivo che ha ospitato ieri sera il falso pentito che riuscì a depistare le indagini sulla strage di via D’Amelio ha comunicato che all’uscita degli studi di Cinecittà a Roma Vincenzo Scarantino è stato prelevato da due volanti della polizia mentre stava salendo su un’auto privata messa a disposizione dalla produzione. “Gli agenti hanno anche perquisito la nostra auto”, sottolinea la nota della redazione. Nei confronti del falso pentito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Torino. Scarantino è stato arrestato dagli agenti della Squadra mobile di Torino. Secondo quanto trapelato, Scarantino avrebbe avuto rapporti sessuali non consenzienti con una ragazza di origine siciliana con problematiche psichiche, in cura presso una comunità terapeutica di Torino. Già nel novembre del 2013 la ragazza, aveva raccontato l’accaduto e poi lo aveva denunciato. Scarantino, anch’esso frequentava la casa di cura, e si era presentato come un educatore e con un nome falso.  Gli avvocati Rosalba Di Gregorio e Giuseppe Scozzola, costituti parte civile nel processo Borsellino quater per il reato di calunnia contestato anche a Scarantino hanno chiesto: “A fronte delle modalità e delle tempistiche con cui è stato eseguito stanotte l’arresto di Vincenzo Scarantino, chiediamo alla corte d’assise del Borsellino quater e alla Procura di Caltanissetta, che indaga nel procedimento per induzione alla calunnia, di assicurare l’integrità psico-fisica della ‘fonte di prova’ Scarantino e chiederemo l’immediato trasferimento di Scarantino al carcere di Caltanissetta per assicurarne la presenza in aula già dall’udienza di martedì”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook