Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MORTE PROVVY GRASSI: FUORIONDA SHOCK A “CHI L’HA VISTO?”

MORTE PROVVY GRASSI: FUORIONDA SHOCK A “CHI L’HA VISTO?”

“Durante la trasmissione “Chi l’ha visto?” è stata mandata in onda la conversazione di due militari dell’arma dei Carabinieri, in riferimento alla scomparsa di Provvidenza Grassi trovata morta qualche giorno fa dentro la sua auto sotto un viadotto dell’autostrada Catania-Messina: fuorionda shock: "E’ una zoccola ed ora non ce ne possiamo fottere perché c’è la tv"

Print Friendly, PDF & Email

Morte Provvy Grassi. La sconcertante conversazione che riguarderebbe due militari dei carabinieri di Messina è stata captata casualmente dalla troupe della trasmissione di Rai 3 “Chi l’ha visto?” e mandata in onda ieri sera in diretta, scatenando un’autentica bufera sull’Arma. Termini pesantissimi che non sono certo passati inosservati e che la trasmissione Rai ha riproposto con insistenza. “Quella puttana scomparsa…questa è una puttana. E’ una zoccola ed ora non ce ne possiamo fottere perché c’è “Chi l’ha visto?” che se ne occupa. Il padre poi rompe sempre i coglioni in caserma, anche a Ferragosto. L’ho cacciato. E’ un coglione”.

Si tratta di una registrazione choc. A parlare sarebbero due carabinieri, in riferimento alla scomparsa di Provvidenza Grassi, la 27enne ritrovata morta qualche giorno sotto il viadotto Bordonaro, sulla Catania-Messina. Inoltre, il carabiniere parlando al telefono con un collega si mostrerebbe più che infastidito dall’atteggiamento del padre della ragazza il quale si sarebbe recato in una non precisata caserma “anche di domenica” e perfino “a Ferragosto”, per cercare di sollecitare le ricerche della figlia scomparsa. Una telefonata che getta discredito sulle forze dell’ordine e ombre sulle attività d’indagine. Tanto che la conduttrice Federica Sciarelli durante la trasmissione è stata costretta a precisare: “E’ un documento che non avremmo mai voluto mostrarvi speravamo di ritrovare Provvidenza viva da qualche parte ma non è stato così. Non vogliamo generalizzare, tutti noi sappiamo quanto i carabinieri, tantissimi di loro ci mettono l’anima e il cuore e quanto sono vicini ai familiari dei nostri scomparsi. Ma purtroppo ancora succede che la vittima viene trattata come una poco di buono che decide di andare via e di lasciare nell’angoscia i familiari, poi arriva “Chi l’ha visto” e allora bisogna occuparsene”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook