Archiviato in | Politica, Politica Regionale

COMMISSIONE ARS APPROVA DDL SUI LIBERI CONSORZI

COMMISSIONE ARS APPROVA DDL SUI LIBERI CONSORZI

“La commissione Affari istituzionali con 10 voti a favore e 4 contrari da il via libera al ddl sui liberi consorzi per la discussione in aula. Nello Musumeci deputato di opposizione de La Destra all’Ars ha pesantemente criticato la decisione commentando: "Altro che riforma, si torna indietro di cinquant'anni. Espropriato il diritto al voto a quattro milioni di siciliani - Daremo guerra in aula affinché questa ignobile mistificazione mediatica non crei altro danno alla Sicilia".

Print Friendly, PDF & Email

Commissione Ars. La Commissioni affari istituzionali presieduta da Antonello Cracolici (Pd) ha approvato il disegno di legge che istituisce i Liberi consorzi al posto delle Province. Dieci i voti a favore, 4 i contrari. Il deputato regionale Nello Musumeci(La Destra) ha commentato la decisione: “Dovevamo aspettare un governo regionale di Sinistra a guida comunista per vedere espropriare a quattro milioni di siciliani il diritto al voto”. Il deputato dell’opposizione poi ha dichiarato: “l’unica modifica apportata da Crocetta consiste nell’impedire d’ora in poi che i vertici amministrativi delle nuove province siano scelti dai cittadini: niente più elezioni. La invenzione delle tre città metropolitane (Palermo, Catania e Messina) è un’offesa al buon senso e una condanna alle aree interne dell’Isola (il 90 per cento del territorio siciliano) che con questa riforma resteranno sempre più isolate e degradate”. Musumeci ha anche aggiunto: “Daremo guerra in aula affinché questa ignobile mistificazione mediatica non crei altro danno alla Sicilia”.

Sempre il leader siciliano de La Destra ha sottolineato con forza: “Altro che riforma: si torna indietro di cinquant’anni, quando in Sicilia i vertici dell’Ente intermedio non venivano scelti dai cittadini ma dagli apparati dei partiti. Crocetta ha mentito ancora una volta ai siciliani: aveva detto di abolire le Province per fare risparmiare sui costi e invece ne ha solo cambiato il nome, mantenendo lo stesso personale, le stesse funzioni, gli stessi immobili. Come se non bastasse, i debiti degli enti provinciali graveranno sui comuni, già al collasso, ed i centri di costo dei Liberi consorzi si moltiplicheranno a dismisura”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook